The power of being “on the same boat”

 

by Lynne McTaggart

In 1954, 22 eleven-year-old of Protestant religion children from Oklahoma City, all coming from middle-class families, who were already known and whose mental stability was carefully verified, boarded two coaches to a summer camp of boy scouts of 200 acres near Robbers Cave National Park, Oklahoma. To observe all this from the perspective of “guardian” of the field was the creator of the study,Muzafer Sherif, born in Turkey and graduated from Harvard and subsequently referred to as the founder of the discipline of social psychology. At that time there was no informed consensus yet, and the boys did not know they were about to become the guinea pigs of one of the most fascinating and appreciated psychological studies ever on group behavior.

Muzafer Sherif
Muzafer Sherif

For the first few days, field leaders (actually a team of psychologists, including Sherif’s wife) encouraged each group to carry out activities to consolidate ties between members of the same group. Each group had to choose a name (“Snakes” and “Eagles” were chosen), create their own “flag”, choose their own field locations, write songs, and invent special behaviors that were “just” their own. Each group stayed in separate areas well spaced from the other group, and during the initial period nobody was allowed to meet members of the other group.

In the next phase of the study, Sherif and his researchers prepared situations specifically aimed at fomenting competitiveness and frustration in order to create conflicts between the two groups. Announced a sports tournament and other competitive games, putting on trophy, medals and eleven Swiss four-blade knifes, which were the most prized prize for the winning team. Finally, after a day of workouts, each group was finally able to see the opponents, now already detested.
During the four days of races, the staff manipulated the scores so they staged a constant head-to-head, and making sure the two teams were constantly aware of the almost equal situation. The initial sportsman soon gave way to insults and invitations, and even the boys refused to eat if there was a member of the other group in the dining room.

Shortly thereafter, it was no longer necessary for the investigators to instigate the prejudices between the two groups. Tortured as a troop of soldiers, the Snakes made an incursion into the Eagles cottage, tearing the mosquito nets and turning their beds. The Eagles avenged themselves with their interests: armed with clubs and sticks, throwing all the Snakes into a pile in the center of the cottage. Each team destroyed the flags of the other. The day when the Eagles won the tournament, the Snakes organized an assault and steal the swords from their opponents. The ever-growing hatred culminated in a fierce fight of fists that required adult intervention.
After fierce blaspheming the bias between the two groups, the Sherifs experimented with activities to encourage factions to socialize among themselves. But neither the excursions, the festivities, the film’s sighting, nor the celebrations of July 4 seemed to loosen the tension.

Then the Sherifs created a series of crisis situations in the field that could not be solved without the resources and participation of all the boys in the two groups. When the drinking water was suddenly over and the boys discovered that a tank cock was blocked by a large plastic bag, the two groups had to work together to try to free it. Snakes and Eagles were also enlisted to pull a rope together to move a semi-fallen tree that could be dangerous and then to help recover from a ditch on the roadside the truck carrying food for both groups.
Once the faucet was disassembled, the Serpents allowed the Eagles to drink first, since they had not brought the bottles with them and were thirsty. After the boys had collaborated to collect money for a movie, the Sherifs noticed that the two groups returned eating together with the canteen, even mixing with each other. On the last day of the summer camp, the boys voted unanimously to travel on the same coach for the return. Snakes and Eagles sat next to each other and with their arms around their shoulders. During a stop on the way back, the Snakes squadron spent $ 5 in winning a target shooting race to buy sweets for all 22 kids.

William Golding described his vision of an intrinsic “darkness of the heart of man” in The Lord of the Flies: Once the patina of civilization has been removed, even the children are able to become wild. Sherif’s study shows the opposite. Schoolmates are actually capable of becoming cruel and overpowering against each other if they are divided into opposing groups and compelled to compete for the few available resources. But when the children of Robbers Cave faced a common goal, more important than the personal and group ends, they dwindled divergences to cooperate as a superorganism.
Psychologists speak of an over-coordinated goal: a goal achieved through cooperative teamwork of two or more people. Engaging in teamwork and teamwork tends to overcome divergences because it emphasizes the very essence of humanity: the fact that we are all on the same boat. And if all of us are on the same boat, we are no longer competing for the few available resources.

We’re all on the same boat
Traditionally, economists argue that we give the best contribution to society when we try to get ahead of others. But recent sciences clearly demonstrate that it is much better if we choose what is good not only for ourselves but also for all the people around us. All cases of conflict resolved positively have a common thing: the ability to exploit the fundamental human need to create a Tie and overcome the conception that “everyone thinks for themselves”, knowing that “we are all on the same boat.”.
Indeed, people who are activating together join; The evidence shows that whenever a group collaborates for a common goal, the brains of all people begin tuning to the same wavelength, reinforcing the Bond within the group.
The electrical activity of each individual in the group begins to resonate on a common wavelength, such as a perfectly tuned chorus. As a cohesive group of electrons that begin to vibrate like a giant single electron, the group creates a resonance that amplifies the individual effect.

The psychologists of the Max Plank Human Development Institute in Berlin, Germany, and of the University of Salzburg in Austria, studying the brain activity of pairs of guitarists playing a short track together found that the brain waves of each pair Were highly synchronized when they began their overall execution.
Whole areas of the brain presented synchronized patterns, particularly the areas that govern proprioception (their position in space), and this indicated that each individual lost part of their sense of separation and gained a sense of union during the performance of music . These results show that we go beyond ourselves when we work to create something together.
This study has wide implications, as most of our interactions with the world consist of synchronized actions and directed at one goal together with other people. As a jazz band that works together as a superorgan to produce a common sound, we are tuning to the wavelength of others whenever we work together to produce a common result.We manage to get along with others, as far as we are, by simply sharing an activity or a goal.

Also becoming part of a superorganism makes us physically much stronger. Recently, a group of anthropologists at Oxford University measured the singular components of Oxford’s canoeing team during workouts, finding that they had a much greater pain tolerance after group workouts than when they practiced from only.
The synchrony of shared physical activity apparently created a greater release of endorphins, which could have something to do with the creation of a collective connection. The canniers created a “field” that amplified individual efforts and overcame individual limits. Within the field, the whole was larger than the sum of the parts.
Now scientists know that neurons become more efficient and function as a unit when they are stimulated together repeatedly and persistently: neurons that activate together join together. And it can be as true that people who are actively working together develop a union. When we work together with others for a common purpose, soon we literally tune in to their wavelength.
When we do things in a group, the impulse that we find finding us all “on the same boat” is actually what allows us to withstand difficulties, including pain. It is a proof that there is really a “force in numbers” and it also explains why we try something extraordinarily similar to magic when we are part of groups that work for a common goal. Let’s go out of our individuality and join the Tie.

 

The power of group thinking
I am conducting an ongoing experiment on intentionality: we observe the power of group thinking in the context of meticulous controlled scientific experiments and also, informally, during seminars and within our community of “intentions”. In 2007, working with a large pool of physicists, biologists, psychologists, statisticians and neuroscientists in the field of research on conscience, I created the largest global lab and conducted the first controlled experiments on the power of mass intent to change the world physical.
Over the past eight years, these studies involved, in total, hundreds of thousands of my international readers, with volunteer participants from over 100 countries who have targeted their intentions towards certain goals under scientifically controlled conditions through the Intention Experiment site(www.theintentionexperiment.com), during conferences and seminars organized in various countries or live web.

We have systematically carried out experiments on various “animal, mineral and vegetable” targets, representative of all the elements of the planet, with experimental models initially very simple and increasingly complex. Up to now, 4 experiments on leaves and seeds, 10 experiments with plants, 7 on water (one “live” on water samples taken from a Japanese lake), 4 experiments of intentionality for peace and 2 Experiments on sufferers suffering from anxiety.
Even the simplest of these experiments were performed under strict scientific conditions, following a very accurate protocol. For example, for our first simple experiments on sending intentions to increase leaf light, our laboratory technicians at Arizona University followed a protocol of 50 passages, including accurate leaf selection Of identical geranium for the size and value of the light emitted. And practically every experiment was done with one, or often more, control groups.
In the 27 experiments conducted to date, 23 showed measurable and often significant changes. To look at this figure in perspective, even one of the medicines produced by the pharmaceutical industry can boast such a level of positive effects.

In these scientifically-controlled experiments, most of us blind, we have shown that the mind of the group is able to:

  • Modify the elemental physical properties of the leaves;
  • Grow plants at a height almost twice as normal;
  • Alter the molecular structure of tap water clusters;
  • Change the pH of the polluted water (and then purge it);
  • Reduce violence in an area of ​​war or high crime;
  • Improve the health of patients with diagnosed diseases.

Experiments are even more interesting for what they reveal about human conscience, especially about the possibility that a collective consciousness exists. They have repeatedly demonstrated that, collectively, the human mind has the extraordinary ability to operate in a non-local way and overcome space and time; Our intenders from 98 countries around the world have formed experimental groups from 1,000 to 15,000 people, and their contact with the targets was simply through a photograph published on our site. Despite the fact that their only link was an Internet site, they immediately established deep contact with each other and with the target.

The virtuous circle
Although the results of these experiments are surprising in itself, the most interesting phenomenon, for me, is the effect that our larger-scale studies have produced on the participants. By our major online experiments resulted in comments by ecstatic experiences, a deep and palpable sense of unity.
Despite the participants connect to our website from separate computers around the world, report that they feel a sense of connection with other people of the experiment that are thousands of kilometres away. The experience of group intention appears to result in changes in individual consciousness, breaking time and space by removing the sense of separation and individuality and infusing in the group members what only can be described as a State of ecstatic Union.

In September 2008, I conducted an experiment with 15,000 participants from 60 countries around the world, assessing whether the “mind of the group” had the power to reduce violence and restore peace. The plan was for readers from various parts of the world to join forces on our site to “send” peace to a particular war-torn area, in this case Sri Lanka.
In a survey conducted by participants at the end of the experiment, about 46% reported having noticed long-term changes in relationships with other people after the experiment. The group experience apparently had helped them feel more love in general, whether they knew the recipients or not. Although more than a quarter had more love for near people or for people with disadvantages or disagreements, a greater percentage, 41%, felt more love for anyone with whom he came in contact, and 19% To get along with perfect strangers.
In fact, when the survey asked who the reports were getting better, 38% responded to having noticed the most obvious changes in the relationship with the strangers. The experience of ties with thousands of outsiders has given many people the ability to be more inclined to people they did not know personally. I was astonished by their reactions in describing repeatedly states of bliss and a palpable sense of unity during the experiment.
Many have felt this feeling on a profoundly physical level: “Already 10 minutes before the experiment I started to feel a pressure on the head,” a participant wrote. “As if my brain was connected to a larger network. Right after the experiment, it’s gone. ”
“I’ve been part of an energy wave (more or less as I suppose it should be inside a beam, like those of Star Trek),” wrote another. “I was dragged on this gigantic wave of energy but at the same time I was part of the cause of the wave … it was very powerful.”
For many others, the feeling of union with the other participants and the people of Sri Lanka was intense: “In addition, the first two days I felt extremely emotional (crying) because of the power of the experiment. I’ve never tried anything like that. ”
“I realized the union of masses of people, so intense I could almost ‘see’ them, but I certainly felt them.”
“I felt a strong sense of unity, a stream of energy that went from Earth to earth, far beyond … universal.”
“Every time I sent my intention to ‘charge’ to the goal, within a few seconds I received a ‘wave of emotions’. These feelings included fear and terror, which I transformed into love and compassion and that I returned in turn

I came to call this phenomenon the “power of the eight.” This kind of powerful bond can occur in just one day. During weekend seminars, we divide the audience of participants into eight groups, and we ask groups of perfect strangers to send their thoughts of affection among them.
Over the years, we have witnessed, one after the other, stories of extraordinary improvements, both in the sender and the recipient. For example, Sally suffered from arthritis, which prevented him from walking on the stairs: the day after he received the healing intent was able to go down the stairs without fatigue. Marekje had multiple sclerosis and was struggling to walk without support. The morning after his intention, he arrived at the seminary without crutches. Perhaps the most amazing case is that of Marcia, a woman who suffered from a blurred vision of one eye. The following day to the group’s healing intentions, he said he saw us almost perfectly from the sick eye.

Even more significant of the effects of healing is the powerful effect of the community. During these seminars, strangers begin to resound together as a unit: for example, in Holland at a recent seminar, I found that many groups reported that they had exactly the same views during group intentions. In a group that concentrated on sending intentions to a woman with back problems, she and many other members of the group imagined the same inner vision: her spine that was extracted from the body and infused with light.
The sentiment of units described by participants in the seminars and the Intention Experiment community is an example of the pure bonding sound effect. The mere act of belonging to a small group of strangers and offering something inside is so powerful and gives so much satisfaction to our deeper desires to heal both the healer and the recipient.

– Insights –
What is Tie?
Alternative scientists, including biologists, psychologists, and sociologists, have found evidence that individuals are far less “individual” than they thought in the past. Among the smallest particles of our being, between our body and the environment, between ourselves and all the people with whom we are in contact, among every member of each social group, there is a Tie, an essential and profound connection to There is no clear demarcation between the end of an entity and the beginning of another. The way in which the world basically works is not through the activity of individual entities, but through their connection … in a sense within the space between things.
The most essential aspect of life is not the isolated thing, whether it is a subatomic particle or a perfectly formed living being. It is the relationship itself: the inseparable and irreducible Bond. This connection, the space between them, keeps the key to the life of every organism, from subatomic particles to large scale societies, and also the key to a living future./span>

The power of “us” is good for the ego
Much of the research on inner dialogue, or the monologues often used by people to encourage themselves before a performance, focuses on internal affirmations regarding the “I” to increase personal confidence. For this reason, a group of researchers from Michigan State University has decided to study what happens to individual performance when participants focus their internal dialogues on the performance of the group as a single body.
They randomly subdivided 80 participants into a darts race in 3 groups; The first group used internal dialogues focused on individual capabilities and performance; The second used dialogues that emphasized the capabilities and performance of the group, while the third, the control group, simply kept neutral thoughts.
Assessing the results, the researchers noted that both personal confidence and performance were better among those who had focused on group thinking. Those who orientated their inner dialogue on the group showed more confidence in the team but also had better individual performance.
This study has enormous implications for all aspects of our lives, as it shows that focusing on group efforts is naturally beneficial to everyone.
Just think of “us” to do good to “me”.

“Note:
1) – D. I. Radin, ‘Event related EEG correlations between isolated human subjects,’ Journal of Alternative and Complementary Medicine, 2004; 10: 315-24.
2) – Rollin McCraty e all. ‘The Electricity of Touch: Detection and Measurement of Cardiac Energy Exchange Between People,’ in Karl H. Pribram, a cura di, Brain and Values: Is a Biological Science of Values Possible? Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum Associates, 1998: 359-379.
3. M Yamamoto e all., ‘An Experiment on Remote Action against Man in Sense Shielding condition,’ Journal of the International Society of Life Information Sciences, 1996; 14 (1): 97-99.

the author:

Lynne McTaggart
Lynne McTaggart

Lynne McTaggart, one of the leading voices in the new awareness movement, is the author of six award-winning books, including the world’s best-sellers The zero point field, The Science of Intent, The Bond – The Quantum Bond and What the Doctors They do not say. As a director of What Doctors Do not Tell You (www.wddty.com), he is one of the most respected health publications in the world and cares for the most popular teleconferences and seminars on health and spirituality.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il potere dell’essere “sulla stessa barca”

 

di Lynne McTaggart

Nel 1954, 22 bambini undicenni di religione protestante di Oklahoma City, tutti provenienti da famiglie della classe media, che si conoscevano già e la cui stabilità mentale era stata attentamente accertata, salirono a bordo di due pullman diretti a un campo estivo dei boy scout di 200 acri nelle vicinanze del Parco Nazionale di Robbers Cave, in Oklahoma. A osservare tutto questo dalla prospettiva di “custode” del campo era l’ideatore dello studio, Muzafer Sherif, nato in Turchia e laureato ad Harvard e successivamente indicato come il fondatore della disciplina della psicologia sociale. In quei tempi non esisteva ancora il consenso informato, e i ragazzi non sapevano che stavano per diventare le cavie di uno dei più affascinanti e apprezzati studi psicologici di sempre sul comportamento di gruppo.

Muzafer Sherif
Muzafer Sherif

Per i primi giorni, i responsabili del campo (in realtà un’équipe di psicologi, fra cui la moglie di Sherif) incoraggiarono ciascun gruppo a svolgere attività per consolidare i legami fra membri dello stesso gruppo. Ogni gruppo doveva scegliersi un nome (vennero scelti i “Serpenti” e le “Aquile”), crearsi una propria “bandiera”, scegliere come propri alcuni luoghi del campo, scrivere delle canzoni e inventare dei comportamenti particolari che fossero esclusivamente “propri”. Ogni gruppo alloggiava in zone separate ben distanziate rispetto all’altro gruppo, e durante il periodo iniziale non fu permesso a nessuno di incontrare membri dell’altro gruppo.

Nella fase successiva dello studio, Sherif e i suoi ricercatori prepararono delle situazioni volte appositamente a fomentare la competitività e la frustrazione in modo da generare conflitti fra i due gruppi. Annunciarono un torneo sportivo e altri giochi competitivi, mettendo in palio un trofeo, delle medaglie e undici coltellini svizzeri a quattro lame che erano il premio più ambìto per la squadra vincitrice. Infine, dopo una giornata di allenamenti, ogni gruppo finalmente poté vedere gli avversari, ormai già detestati.
Durante i quattro giorni di gare, lo staff manipolò i punteggi in modo da inscenare un costante testa-a-testa, e assicurandosi che le due squadre fossero costantemente consapevoli della situazione di quasi parità. L’iniziale sportività cedette presto il passo a insulti e invettive, e addirittura i ragazzi si rifiutavano di mangiare se nella sala-mensa era presente un membro dell’altro gruppo.
Dopo poco tempo non fu più necessario che fossero gli sperimentatori a istigare i pregiudizi fra i due gruppi. Agghindati come un commando di soldati, i Serpenti fecero un’incursione nel cottage delle Aquile, lacerando le zanzariere e rivoltando i letti. Le Aquile si vendicarono con gli interessi: armati di mazze e bastoni, gettarono tutti gli averi dei Serpenti in un mucchio al centro del cottage. Ogni squadra distrusse le bandiere dell’altra. Il giorno in cui le Aquile vinsero il torneo, i Serpenti organizzarono un assalto e rubarono i coltellini svizzeri vinti dagli avversari. L’odio sempre crescente culminò in una feroce lotta a suon di pugni che richiese l’intervento degli adulti.
Dopo aver inasprito ferocemente i pregiudizi fra i due gruppi, gli Sherif sperimentarono delle attività per incoraggiare le fazioni a socializzare fra loro. Ma né le escursioni, né le feste, né la visione di film, né le celebrazioni del 4 luglio sembravano riuscire ad allentare la tensione.

Poi gli Sherif crearono una serie di situazioni di crisi al campo che non si potevano risolvere senza le risorse e la partecipazione di tutti i ragazzi dei due gruppi. Quando improvvisamente finì l’acqua potabile e i ragazzi scoprirono che un rubinetto della cisterna era ostruito da un grosso sacchetto di plastica, i due gruppi dovettero lavorare insieme per cercare di liberarlo. I Serpenti e le Aquile inoltre furono arruolati per tirare insieme una fune per spostare un albero semi-caduto che poteva essere pericoloso e poi per aiutare a recuperare da un fosso sul ciglio della strada il camion che trasportava i viveri per entrambi i gruppi.
Una volta che il rubinetto fu disostruito, i Serpenti permisero alle Aquile di bere per prime, dato che non avevano portato con sé le borracce e avevano più sete. Dopo che i ragazzi avevano collaborato per raccogliere i soldi per un film, gli Sherif notarono che i due gruppi ritornarono a mangiare insieme alla mensa, anche mescolandosi fra loro. L’ultimo giorno del campo estivo, i ragazzi votarono all’unanimità di viaggiare sullo stesso pullman per il ritorno. I Serpenti e le Aquile sedevano vicini e con le braccia intorno alle spalle degli altri. Durante una sosta sulla strada del ritorno, il caposquadra dei Serpenti spese 5 dollari che aveva vinto a una gara di tiro al bersaglio per comprare dei dolci per tutti i 22 ragazzi.

William Golding descrisse la sua visione di una intrinseca “oscurità del cuore dell’uomo” ne Il signore delle mosche: una volta rimossa la patina della civiltà, persino i bambini sono capaci di diventare selvaggi. Lo studio di Sherif dimostra il contrario. Gli scolari sono effettivamente capaci di diventare crudeli e prepotenti gli uni contro gli altri se vengono divisi in gruppi opposti e costretti a competere per conquistare le poche risorse disponibili. Ma quando i bambini di Robbers Cave si trovarono di fronte a un obiettivo comune, più importante dei fini personali e del gruppo, misero da parte le divergenze per cooperare come un superorganismo.
Gli psicologi parlano di obiettivo sovraordinato: un obiettivo raggiunto attraverso il lavoro di squadra cooperativo di due o più persone. Impegnarsi nella condivisione e nel lavoro di squadra tende ad appianare le divergenze, perché si enfatizza l’essenza stessa dell’umanità: il fatto che siamo tutti sulla stessa barca. E se tutti quanti siamo sulla stessa barca, non siamo più in competizione per le poche risorse disponibili.

Siamo tutti sulla stessa barca
Tradizionalmente gli economisti sostengono che diamo il miglior contributo alla società quando cerchiamo di primeggiare rispetto agli altri. Ma le scienze più recenti dimostrano con chiarezza che è molto meglio se scegliamo ciò che è bene non solo per noi stessi ma anche per tutte le persone che ci circondano. Tutti i casi di conflitti risolti positivamente hanno una cosa in comune: la capacità di sfruttare il bisogno umano fondamentale di creare un Legame e superare la concezione per cui “ognuno pensa per sé”, capendo che “siamo tutti sulla stessa barca”.
In effetti, le persone che si attivano insieme si uniscono; le prove dimostrano che ogni volta che un gruppo collabora per un obiettivo comune, i cervelli di tutte le persone iniziano a sintonizzarsi sulla stessa lunghezza d’onda, rafforzando il Legame all’interno del gruppo.
L’attività elettrica di ciascun individuo nel gruppo inizia a risuonare su una lunghezza d’onda comune, come un coro perfettamente intonato. Come un gruppo coeso di elettroni che inizia a vibrare come un unico elettrone gigante, il gruppo crea una risonanza che amplifica l’effetto individuale.

Gli psicologi dell’Istituto Max Plank di Sviluppo Umano a Berlino, in Germania, e dell’Università di Salisburgo, in Austria, studiando l’attività cerebrale di coppie di chitarristi che suonavano un breve brano insieme hanno scoperto che le onde cerebrali di ciascuna coppia erano altamente sincronizzate quando iniziavano la loro esecuzione d’insieme.
Intere aree del cervello presentavano modelli sincronizzati, in particolare le aree che governano la propriocezione (la propria posizione nello spazio), e ciò indicava che ciascun individuo perdeva una parte del proprio senso di separazione e acquisiva un senso di unione durante l’esecuzione della musica. Questi risultati dimostrano che noi andiamo oltre noi stessi quando lavoriamo per creare qualcosa insieme.
Questo studio ha ampie implicazioni, considerando che gran parte delle nostre interazioni con il mondo consistono in azioni sincronizzate e dirette a un obiettivo insieme ad altre persone. Come un gruppo jazz che opera insieme come un superorganismo per produrre una sonorità comune, ci sintonizziamo sulla lunghezza d’onda degli altri ogni volta che lavoriamo insieme per produrre un risultato comune. Riusciamo ad andare d’accordo con gli altri, per quanto siano diversi da noi, semplicemente condividendo un’attività o un obiettivo.

Inoltre fare parte di un superorganismo ci rende fisicamente molto più forti. Recentemente, un gruppo di antropologi dell’Università di Oxford ha misurato la soglia del dolore di singoli componenti della squadra di canottaggio di Oxford durante gli allenamenti, scoprendo che avevano una tolleranza al dolore molto maggiore dopo gli allenamenti di gruppo rispetto a quando si esercitavano da soli.
La sincronia dell’attività fisica condivisa apparentemente creava un maggiore rilascio di endorfine, il che potrebbe avere qualcosa a che fare con la creazione di una connessione collettiva. I canottieri creavano un “campo” che amplificava gli sforzi individuali e scavalcava i limiti dei singoli. All’interno del campo, l’intero era maggiore della somma delle parti.
Ora gli scienziati sanno che i neuroni diventano più efficienti e funzionano come un’unità quando vengono stimolati insieme in modo ripetuto e persistente: i neuroni che si attivano insieme si uniscono. E può essere altrettanto vero che le persone che si attivano insieme sviluppino un’unione. Quando lavoriamo insieme agli altri per uno scopo comune, ben presto ci sintonizziamo letteralmente sulla loro lunghezza d’onda.
Quando facciamo delle cose in gruppo, l’impellenza che proviamo trovandoci tutti “sulla stessa barca” è in realtà ciò che ci permette di resistere alle difficoltà, compreso il dolore. È una prova del fatto che esiste davvero una “forza nei numeri” e spiega anche perché proviamo qualcosa di straordinariamente simile a una magia quando facciamo parte di gruppi che operano per un obiettivo comune. Usciamo dalla nostra individualità ed entriamo nell’ambito del Legame.

Questo tipo di sincronizzazione non si limita al cervello. Attraverso un’interessante serie di studi, l’Istituto di Scienze Noetiche di Petaluma, California, ha scoperto che quando un membro di una coppia inviava pensieri e intenzioni di guarigione al suo partner malato di cancro, molti dei processi fisiologici delle due persone iniziavano a imitarsi a vicenda: battito cardiaco, onde cerebrali, la conduttività degli impulsi elettrici sulle dita, flusso sanguigno, respirazione. Con un pensiero d’amore, due corpi diventano rapidamente uno solo.
Sembra che queste forme di sincronizzazione corporea avvengano anche fra estranei, in particolari circostanze. Legarsi a un’altra persona in modo intimo, come fa un guaritore quando invia un flusso di guarigione al suo paziente, mette in sincronia i due cervelli. (1) Persino toccare qualcuno provando un senso di apprezzamento e disponibilità può fare entrare in sincronia le onde cerebrali delle due persone. (2) La sincronia può avvenire anche quando due persone provano l’intenso desiderio di fare del male, come è stato dimostrato negli studi su maestri di Qigong coinvolti in una situazione di isolamento mentale e fisico. (3)

Il potere del pensiero di gruppo
Sto conducendo un esperimento, tuttora in corso, sull’intenzionalità: osserviamo il potere del pensiero di gruppo nel contesto di meticolosi esperimenti scientifici controllati e anche, in via informale, durante i seminari e all’interno della nostra comunità delle “intenzioni”. Nel 2007, lavorando con un ampio pool di fisici, biologi, psicologi, statistici e neuroscienziati esperti nel campo delle ricerche sulla coscienza, ho creato il più grande laboratorio globale e condotto i primi esperimenti controllati sul potere dell’intenzionalità di massa di modificare il mondo fisico.
Negli ultimi otto anni, questi studi hanno coinvolto, in totale, varie centinaia di migliaia dei miei lettori internazionali, con partecipanti volontari da oltre 100 paesi che hanno indirizzato la propria intenzionalità verso determinati obiettivi in condizioni scientificamente controllate attraverso il sito di Intention Experiment (www.theintentionexperiment.com), nel corso di conferenze e seminari organizzati in vari paesi o in diretta Web.

Abbiamo svolto sistematicamente esperimenti su vari bersagli di tipo “animale, minerale e vegetale”, rappresentativi di tutti gli elementi del pianeta, con modelli sperimentali inizialmente molto semplici e via via sempre più complessi. Fino ad ora, sono stati svolti 4 esperimenti su foglie e semi, 10 esperimenti con piante, 7 sull’acqua (uno “dal vivo” su campioni d’acqua prelevati da un lago giapponese), 4 esperimenti di intenzionalità per la pace e 2 esperimenti su pazienti sofferenti di ansia.
Anche i più semplici di questi esperimenti sono stati eseguiti in condizioni scientifiche rigorose, seguendo un protocollo molto accurato. Per esempio, per i nostri primi esperimenti semplici sull’invio di intenzioni per aumentare le emissioni di luce di una foglia, i nostri tecnici di laboratorio dell’Università dell’Arizona hanno seguito un protocollo di 50 passaggi, fra cui la selezione accurata di foglie di geranio identiche per dimensioni e valore delle emissioni di luce. E praticamente ogni esperimento è stato svolto con uno, o spesso più, gruppi di controllo.
Nei 27 esperimenti condotti fino a oggi, 23 hanno evidenziato dei cambiamenti misurabili e spesso significativi. Per considerare questo dato in prospettiva, neppure uno dei medicinali prodotti dall’industria farmaceutica può vantare un simile livello di effetti positivi.

In questi esperimenti scientificamente controllati, per la maggior parte in cieco, abbiamo dimostrato che la mente del gruppo è in grado di:

  • Modificare le proprietà fisiche elementari delle foglie;
  • Fare crescere le piante a un’altezza quasi doppia rispetto al normale;
  • Alterare la struttura molecolare dei cluster dell’acqua di rubinetto;
  • Cambiare il pH dell’acqua inquinata (e quindi depurarla)
  • Ridurre la violenza in un’area di guerra o con elevata criminalità
  • Migliorare la salute di pazienti con malattie diagnosticate.

Gli esperimenti sono ancor più interessanti per ciò che rivelano sulla coscienza umana, in particolare sulla possibilità che esista una coscienza collettiva. Hanno più volte dimostrato che, collettivamente, la mente umana ha la capacità straordinaria di operare in modo non locale e superare lo spazio e il tempo; i nostri intender provenienti da 98 paesi del mondo hanno costituito gruppi sperimentali da 1.000 a 15.000 persone, e il loro contatto con i bersagli è avvenuto semplicemente attraverso una fotografia pubblicata sul nostro sito. Nonostante il fatto che il loro unico legame fosse un sito Internet, hanno stabilito immediatamente un contatto profondo gli uni con gli altri e con il bersaglio.

Il circolo virtuoso

Nonostante i risultati di questi esperimenti siano di per sé sorprendenti, il fenomeno più interessante, per me, è l’effetto che i nostri studi su più vasta scala hanno prodotto sui partecipanti. Dai nostri maggiori esperimenti online sono scaturiti commenti di esperienze estatiche, di un senso profondo e palpabile di unità.
Nonostante i partecipanti si colleghino al nostro sito Web da computer separati sparsi per il mondo, riferiscono di provare un senso di connessione con le altre persone dell’esperimento che si trovano a migliaia di chilometri di distanza. L’esperienza dell’intenzionalità di gruppo sembra provocare dei cambiamenti nella coscienza individuale, infrangendo tempo e spazio, rimuovendo il senso di separazione e individualità e infondendo nei membri del gruppo quello che si può descrivere solo come uno stato di unione estatica.

Nel settembre 2008 ho condotto un esperimento con 15.000 partecipanti da 60 paesi del mondo, valutando se la “mente del gruppo” avesse il potere di ridurre la violenza e riportare la pace. Il piano era che i lettori di varie parti del mondo unissero le forze sul nostro sito per “inviare” la pace in una particolare area devastata dalla guerra, in questo caso lo Sri Lanka.
In un sondaggio condotto sui partecipanti al termine dell’esperimento, circa il 46% riferiva di aver notato dei cambiamenti a lungo termine nel rapporto con altre persone dopo l’esperimento. L’esperienza di gruppo apparentemente li aveva aiutati a provare più amore in generale, sia che conoscessero i destinatari o meno. Sebbene più di un quarto provasse più amore per le persone vicine o per persone normalmente sgradite o con cui c’erano dissidi, una percentuale maggiore, il 41%, provava più amore per qualsiasi individuo con cui entrasse in contatto, e il 19% riscontrava di andare più d’accordo con perfetti estranei.
In effetti, quando il sondaggio chiedeva con chi fossero migliorati maggiormente i rapporti, il 38% ha risposto di aver notato i cambiamenti più evidenti nel rapporto con gli estranei. L’esperienza di un legame con migliaia di estranei ha dato a molte persone la capacità di essere più bendisposte verso le persone che non conoscevano personalmente. Io sono rimasta sbalordita dalle loro reazioni nel descrivere ripetutamente stati di beatitudine e un senso palpabile di unità durante l’esperimento.
Molti hanno provato questa sensazione su un livello profondamente fisico: “Già 10 minuti prima dell’esperimento ho iniziato a sentire una pressione alla testa”, ha scritto un partecipante. “Come se il mio cervello si fosse collegato a una rete più grande. Subito dopo l’esperimento, è passato.”
“Mi sono sentito parte di un’onda energetica (più o meno come immagino che dovrebbe essere trovarsi all’interno di un raggio traente, come quelli di Star Trek)”, ha scritto un altro. “Venivo trascinato su questa gigantesca ondata di energia ma allo stesso tempo facevo parte della causa dell’onda… era molto potente.”
Per molti altri, il sentimento di unione con gli altri partecipanti e con la popolazione dello Sri Lanka era intensissimo: “Inoltre i primi due giorni mi sentivo estremamente emotivo (piangevo) a causa del potere dell’esperimento. Non ho mai provato nulla di simile.”
“Mi rendevo conto dell’unione delle masse di persone, così intensa che riuscivo quasi a ‘vederle’, ma senz’altro le sentivo.”
“Ho provato un fortissimo senso di unità, un flusso di energia che dalla terra andava molto, molto oltre… universale.”
“Ogni volta che inviavo la mia intenzione ‘carica’ all’obiettivo, nel giro di pochi secondi ricevevo una ‘ondata’ di emozioni. Questi sentimenti includevano paura e terrore, che io trasformavo in amore e compassione e che rinviavo a mia volta.”

Sono giunta a chiamare questo fenomeno il “potere degli otto”. Questo tipo di legame potente può verificarsi in un solo giorno. Durante i seminari del weekend, dividiamo il pubblico di partecipanti in gruppetti da otto, e chiediamo a gruppi di perfetti estranei di inviarsi fra loro pensieri di affetto.
Nel corso degli anni abbiamo assistito, l’una dopo l’altra, a storie di miglioramenti straordinari, sia in chi invia che in chi riceve. Per esempio, Sally soffriva di artrite, che le impediva di camminare sulle scale: già il giorno dopo aver ricevuto l’intenzione di guarigione era in grado di scendere le scale senza fatica. Marekje aveva la sclerosi multipla e faceva fatica a camminare senza supporti. Il mattino dopo la sua intenzione, è arrivata al seminario senza stampelle. Forse il caso più incredibile è quello di Marcia, una donna che soffriva di offuscamento della vista a uno degli occhi. Il giorno seguente alle intenzioni di guarigione del gruppo, diceva di vederci quasi perfettamente dall’occhio malato.

Ancor più significativo degli effetti di guarigione è il potente effetto della comunità. Durante questi seminari, degli estranei iniziano a risuonare insieme come un’unità: per esempio, in Olanda a un seminario recente, ho scoperto che molti gruppi riportavano di avere avuto esattamente le stesse visualizzazioni durante le intenzioni di gruppo. In un gruppo, che si concentrava nel mandare intenzioni a una donna con problemi di schiena, sia lei che molti altri membri del gruppo hanno immaginato la medesima visione interiore: la sua spina dorsale che veniva estratta dal corpo e infusa di luce.
Il sentimento di unità descritto dai partecipanti ai seminari e dalla comunità dell’Intention Experiment è un esempio dell’effetto di risonanza del legame puro. Il semplice atto di appartenere a un piccolo gruppo di estranei e di offrire qualcosa al proprio interno è così potente e dà tanta soddisfazione ai nostri desideri più profondi da guarire sia il guaritore che il destinatario.

– Approfondimenti –
Che cos’è il Legame?
Scienziati alternativi fra cui biologi, psicologi e sociologi hanno scoperto le prove del fatto che gli individui sono molto meno “individuali” di quanto si pensasse in passato. Fra le più piccole particelle del nostro essere, fra il nostro corpo e l’ambiente, fra noi stessi e tutte le persone con cui siamo in contatto, fra ogni membro di ogni gruppo sociale, esiste un Legame, una connessione essenziale e profonda tale per cui non esiste più una netta demarcazione fra la fine di un’entità e l’inizio di un’altra. Il modo in cui sostanzialmente opera il mondo non è attraverso l’attività di entità singole, ma attraverso la loro connessione… in un certo senso all’interno dello spazio fra le cose.
L’aspetto più essenziale della vita non è la cosa isolata, sia essa una particella subatomica o un essere vivente perfettamente formato. È il rapporto stesso: il Legame inseparabile e irriducibile. Questa connessione, lo spazio fra l’uno e l’altro, custodisce la chiave per la vita di ogni organismo, dalle particelle subatomiche alle società su grande scala, e anche la chiave per un futuro vivibile.

Il potere del “noi” fa bene all’io
Gran parte delle ricerche sul dialogo interiore, ovvero i monologhi che spesso le persone usano per incoraggiarsi prima di una performance, si concentra su affermazioni interiori riguardanti l’“io” per aumentare la fiducia personale. Per questo un gruppo di ricercatori della Michigan State University ha deciso di studiare che cosa succede alla performance individuale quando i partecipanti concentrano i propri dialoghi interiori sulla performance del gruppo come organismo unico.
Hanno suddiviso in modo casuale 80 partecipanti a una gara di freccette in 3 gruppi; il primo gruppo usava dialoghi interiori concentrati sulle capacità e prestazioni individuali; il secondo usava dialoghi che enfatizzavano le capacità e le prestazioni del gruppo, mentre il terzo, il gruppo di controllo, manteneva semplicemente pensieri neutrali.
Valutando i risultati, i ricercatori hanno notato che sia la fiducia personale che le performance erano migliori fra coloro che si erano concentrati su pensieri di gruppo. Chi orientava il proprio dialogo interiore sul gruppo mostrava più fiducia nella squadra ma aveva anche prestazioni individuali migliori.
Questo studio ha implicazioni enormi per tutti gli aspetti della nostra vita, in quanto mostra che concentrarsi sugli sforzi di gruppo è naturalmente vantaggioso per tutti.

“Note:
1) – D. I. Radin, ‘Event related EEG correlations between isolated human subjects,’ Journal of Alternative and Complementary Medicine, 2004; 10: 315-24.
2) – Rollin McCraty e all. ‘The Electricity of Touch: Detection and Measurement of Cardiac Energy Exchange Between People,’ in Karl H. Pribram, a cura di, Brain and Values: Is a Biological Science of Values Possible? Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum Associates, 1998: 359-379.
3. M Yamamoto e all., ‘An Experiment on Remote Action against Man in Sense Shielding condition,’ Journal of the International Society of Life Information Sciences, 1996; 14 (1): 97-99.

L’autrice:

Lynne McTaggart
Lynne McTaggart

Lynne McTaggart, una delle principali voci del nuovo movimento della consapevolezza, è autrice di sei libri pluripremiati, fra cui i best-seller mondiali Il campo del punto zero, La scienza dell’intenzione, The Bond – il legame quantico e Ciò che i dottori non dicono. Come caporedattrice di What Doctors Don’t Tell You (www.wddty.com), si occupa di una delle più apprezzate pubblicazioni di salute al mondo e cura popolarissime teleconferenze e seminari sulla salute e la spiritualità.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.