432 HZ tuning

432 Hertz

Diapason
Diapason

Before going on to explain what is the frequency at 432 Hertz I hope that at the end of the article you find the desire to deepen independently the research of this topic, so you need to acquire some more detailed information about the “suppression” of specific information about music in general, starting from the basic instrument of the measure: the Diapason. Although this is a very well-known tool, both to newcomers and non-musicians, it is practically unknown, so it is good to remember what it is and why it is so important in this sound revolution. The term Diapason has different meanings, but more commonly indicates an instrument, which if struck, is able to generate a standard note, which oscillates at the precise frequency of 440 Hz (herz). Frequency that today is adopted for the standard tuning of all electronic musical instruments, which are put on the market.
It is also a tool used in medicine, to perform several acoustic tests. Small tuning forks have also been used for the generation of fixed frequencies, in some security systems, such as those of trains on our railway networks. The Greeks instead used the term diapason to indicate what is today called octave, or the interval between a note and the other of double frequency. The etymology of the term derives from the Greek “dià pasòn”, and means exactly: through all (the notes). Therefore, before beginning to grant our instrument we should understand that the Diapason is first and foremost a scientific instrument. Or at least it should!

The so-called “scientific diapason” was approved unanimously at the Italian musicians’ conference of 1881, and proposed by physicists Sauveur, Meerens, Savart, and by Italian scientists Montanelli and Grassi Landi, and was calculated on a central DO of 256 cycles per year. second. The “race to the sharp” began instead with the unilateral adoption of a higher LA (at 440 Hz) by the Russian and Austrian military bands, at the time of Wagner. This diapason was accepted by convention in London in 1939, without giving any scientific justification, and from there on all became uniform.
What has been done, then, is a deliberate alteration of the frequencies, which has consequently led to a forced crack in the musical harmonies. Why was this done? It could be a simple choice dictated by taste, or the possibility remains that there are hidden motivations.

Science today tells us that in the Universe everything is energy in vibration. The vibratory rhythm of an object, including the human body, is called “resonance”, while a sound is “the vibration of an elastic body, which is transmitted to the surrounding element (air), and propagates by vibrating with sympathy, not only with the instruments of the same note, but also with multiples and submultiples of its frequency “. On the basis of what has been said so far, it is possible to hypothesize that the disharmony dictated by a too acute diapason can be one of the causes of the many antisocial behaviors present in our society. Suffice it to say that about 99% of the musical productions that we hear daily through the media, in phonographic supports (CD / DVD) and in the network, have a base at 440 Hz.
Graham H. Jackson, “Steiner” musician and teacher, spent most of his life searching for the spiritual foundations of harmony. In his book “The Spiritual Basis of Musical Harmony”, Graham recounts the life and experiences of the “tuning priestess” Maria Renold. Maria was engaged in a research and experimentation based on the study of the different tunings, and the related objective effects found on the public. The musician says that when his piano was tuned to 432 Hz, the bystanders not only observed an increase in the richness of the timbre and the quality of the tone, but also that the sound seemed to come from some unspecified points in the middle of the room, rather than piano itself. This refers to the famous “free etheric tone”, often quoted by Rudolf Steiner. A sort of additional harmonic, which would operate in resonance with the instrument.

During some musical experiments, Maria Renold also noted that through the normal standard pitch based on a 440 Hz LA, listeners in the room began to assume polemical and antisocial behavior. On the other hand, when the pitch was at 432 Hz, the same people, once again invited to listen to the same piece, remained pleasantly affected this time. For over twenty years Renold, interviewing and testing more than two thousand people, was able to see that over 90% of subjects preferred a priori the lowest tone, formed by a normal scale based on a 256 Hz DO and on an LA at 432 Hz.
Today, electronic musicians from all over the world are finally exchanging the necessary information, which combines Fractal’s musical theory with 432 Hz tuning, so that they can begin to compose their music in a coherent manner and in harmony with the human heart (heartbeats), the double helix of DNA (replication frequency), the bi-hemispheric synchronization of the brain, the fundamental frequency of Schumann resonance, and the musical geometry of “creation”.

THE NAZISTS HAD DISCOVERED THAT 440 HZ STIMULATES AGGRESSIVITY

Laurent Rosenfeld wrote the article “How the Nazis ruined musical tuning”, published in the September 1988 issue of the journal Executive Intelligence Review. Rosenfeld noted that it was Radio Berlin, spokesman for Nazi propaganda minister Joseph Goebbels, who organized a conference in 1939 to solicit the 440-hertz standard. This conference laid the foundations for the 1955 decision to officially establish this standard.
Goebbels had already approved this tuning as a standard for Germany, but it was already widespread at the time of the Wagnerian military bands. According to some scholars, the choice of 440 hz was the result of research in which it was found that 432 hz generally relaxed the minds, while 440 hz were able to trigger more violent reactions among soldiers’ troops.

432 HERTZ

Through the tuning of the LA to 432 we get to a Cd of 256Hz, and within this scale 8 Hz become the 27th supra of DO. For the principle of harmonics according to which multiples and submultiples of that frequency are added to a produced sound, the Do’s of the other octaves will begin to vibrate by “sympathy”, naturally resonating the frequency of 8Hz.

8 HZ AT THE BASE OF LIFE

  • 8Hz is the fundamental “beating” of the planet, known as “fundamental resonance of Schumann cavities”;
    8 Hz is the frequency on which the molecule of DMT operates, a hallucinogenic substance produced by our pineal gland;
    8 Hz is the frequency of replication of human DNA and 8 Hz is also the rhythm of the brain’s Alpha waves in which our “parallel processors”, or bi-hemispheres of the brain, are synchronized to work together;
    From Kepler’s laws, we know that the planetary arrangement of our solar system follows the 256 Hz DO tuning scale, and the latter are even an octave within Sierpinski’s Triangular Fractal.

8 HZ AND AWAKENING OF HUMAN FACULTY

Ananda Bosman states that the neocortex, for 90% “unassigned”, is awakened in this synchronization, operating in all cell dentrals with the maximum information flow for that scale. “Ordinary” awareness waves vary from 14 to 40 Hz. In this range only a few brain cell deregulations that predominantly use the left hemisphere as the center of activity, where the information flow is billions of times weaker. A bit like when using an old 386 processor compared to a latest generation Pentium. In other words, at 8 Hz each of us could operate exactly like a super-computer as explained in The Power of 8Hz – Development faculty and exceptional perceptions.

432 HZ: NATURAL AGREEMENT, FROM MOZART TO PINK FLOYD

Many researchers and musicians have experienced this benefit so much to support vigorously that the Natural Tuning is given only by synchronizing on the LA at 432Hz. This frequency already belonged to the human past (see ancient Greek and Egyptian instruments) was replaced by the common 440Hz in 1953 in London (after the attempt of the Nazi propaganda minister Joseph Goebbels, in 1939, to obtain the same result).

Mick Jagger
Mick Jagger

Many supporters of the so-called tuning aurea: from Mozart to Pink Floyd to Mick Jagger, singer of the Rolling Stones at an international level, while in Italy from Ananda Bosman, Flavia Vallega, Andrea Doria to Riccardo Tristano Tuis. It was also supported by Verdi, and more recently by Pavarotti and Placido Domingo.

Giuseppe Verdi
Giuseppe Verdi

Giuseppe Verdi in a letter of 1884, addressed to the musical commission of the Italian government, which was unsuccessful in his attempt, spoke of a reduction that he too would have seen, from the “normal” chorus of 435Hz to a 432Hz chorister , writing in this regard a sentence of considerable importance: “for mathematical needs”.
Maria Renold (1917 – 2003) in his interesting work entitled “Intervals, Scales, Tones and the Concert pich C 128Hz”, in which with data of great charm and scientific richness in Pythagorean terms among other vital information the 128Hz and 432Hz leading the reader to the fruits of his multi-year research, indicating the importance of LA 432Hz.
In concerts performed with instruments tuned to the La at 440 Hz, listeners assumed polemical, antisocial attitudes. But the same listeners, invited to listen to the same concert, this time performed with instruments set on a La 432 hz, they acquired a positive attitude, if not enthusiastic.
Not only that, 9 out of 10 listeners appreciated more the second concert, even if they did not know how to indicate the reason.

MUSIC AT 432HZ HEALS

Many doctors and scholars assert that the reason a part of the body becomes ill is because its frequency has changed and, consequently, the body vibrates in a disharmonic way. According to these scientists, being healthy is a harmonious vibrating in unison. If the correct resonance frequency of a healthy organ is known and projected onto the diseased part, the organ can return to its normal frequency and then heal. If, on the contrary, a disharmonic frequency is projected onto a healthy body, it becomes ill.

432 HZ tuning

432 HZ tuning
432Hz music being tuned to the harmony frequencies of our body’s biochemical processes sustains and activates the healing process. At the so-called frequency of the universe, numerous psychophysical benefits are associated .. we can define it as a “healing power”. Sound waves, in fact, modify body characteristics such as breathing, heartbeat, sweating, brainwaves and neuro-endocrine response, stimulating the balance and relaxation of the mind and body.

Chakra
432HZ Chakra

 

WHY MUSIC AT 432 HZ RECONNECT US WITH CREATE

The 432 Hz music not only produces a more beautiful and enveloping sound but we find it in the environment that surrounds us and in our body. In fact, a central DO of the piano tuned to the frequency of 440 Hz is 261.262 Hz, while pitched at 432 is 256 HZ. With the 432 Hz tuning if we move towards the lower and lower octaves we will find a 128 Hz DO, one at 64 Hz, one at 32 Hz, one at 16 Hz and one at 8 Hz. For the principle of harmonics according to which multiples and submultiples of that frequency are added to a produced sound, also the Do’s of the other octaves will begin to vibrate for “sympathy”, naturally resonating the frequency of 8Hz.

The power of 432 Hz lies precisely in the fact of producing the frequency of 8 Hz:
The vibrational frequency of hydrogen, which is 90% of our body and is the most widespread compound in the universe, is 8Hz. So with 432 Hz music we vibrate to the intrinsic vibration of matter;
The fundamental “beating” of the planet, known as “Schumann resonance” is about 8 Hz: it is the global electromagnetic resonance in the cavity that is between the Earth’s surface and the ionosphere. So if we are crossed by 8 Hz we reconnect and amplify the natural vibration to which we belong and therefore defend us from the extraneous vibrations produced by the electromagnetic fields of the electrical and electronic devices that surround us;
The pineal gland is activated directly by the frequency of 8 Hz, stimulating healing, the slowing down of aging, the production of anti-tumor substances, improving sleep and accelerating the evolution of consciousness;
The melatonin under 8 Hz induces the mitotic replication of DNA, strengthening the repair of DNA damage due to old age and even regeneration;
The frequency of replication of the double helix human DNA is 8 Hz. A team of Italian American researchers led by biologist Carlo Ventura and physicist James Gimzewski have shown that DNA vibrates at a certain frequency during its replication. So the DNA if crossed by this frequency avoids producing the cellular damages that are at the base of the tumor cells;
The frequency of the brain’s Alpha waves in which the cerebral hemispheres are synchronized to work together in the same way, receiving the maximum information flow is 8 Hz;
The hippocampus, area of ​​the limbic brain used for memory functions, survival and spatial navigation, resonates at a frequency of 8 Hz. The malfunction of this area is linked to Alzheimer’s, memory deficits, dyspraxia and other diseases;
The subsonic healing frequency emitted by dolphins and whales is 8 Hz;
The Merovingians, the Templars, the Lotus, the Infinite, the I Ching, all have the symbol of 8.
The 8 Hz are able to increase the predisposition to learn, inducing us to theta mode, a brain state that leads us to be creative and to have deep insights of a scientific, mystical or behavioral nature. The neocortex of the brain is awakened in this synchronization and the result is a harmonic compensation of the nervous system that generates relaxation and release from stress and increases mental faculties.

432 HZ tuning

432HZ

Diapason
Diapason

Prima di passare a spiegare cosa sia la frequenza a 432 Hertz spero che alla fine dell’articolo troviate la voglia di approfondire indipendentemente la ricerca di questo argomento, quindi è necessario acquisire qualche informazione più dettagliata circa la “soppressione” di informazioni specifiche riguardanti la musica in generale, cominciando proprio dallo strumento di base della misura: il Diapason. Sebbene questo sia uno strumento molto noto, sia ai neofiti musicisti che ai non musicisti, esso è praticamente uno sconosciuto, per cui è bene ricordare di cosa si tratta e il perché della sua importanza in questa rivoluzione sonora. Il termine Diapason ha diversi significati, ma più comunemente indica uno strumento, che se percosso, è in grado di generare una nota standard, che oscilla alla precisa frequenza di 440 Hz(herz). Frequenza che oggi viene adottata per l’accordatura standard di tutti gli strumenti musicali elettronici, che vengono messi in commercio.

E’ anche uno strumento utilizzato in medicina, per effettuare diversi esami acustici. Piccoli diapason sono inoltre stati utilizzati per la generazione di frequenze fisse, in alcuni sistemi di sicurezza, come ad esempio quelli dei treni sulle nostre reti ferroviarie. I greci invece utilizzavano il termine diapason per indicare quella che oggi è definita ottava, ovvero l’intervallo compreso tra una nota e l’altra di frequenza doppia. L’etimologia del termine deriva proprio dal greco “dià pasòn”, e significa esattamente: attraverso tutte (le note). Perciò, prima di incominciare ad accordare il nostro strumento dovremmo comprendere che il Diapason è innanzitutto uno strumento scientifico. O almeno dovrebbe!

Il cosiddetto “diapason scientifico”, fu approvato all’unanimità al congresso dei musicisti italiani del 1881, e proposto dai fisici Sauveur, Meerens, Savart, e dagli scienziati italiani Montanelli e Grassi Landi, ed era calcolato su un DO centrale di 256 cicli al secondo. La “corsa all’acuto” iniziò invece con l’adozione unilaterale di un LA più alto (a 440 Hz) da parte delle bande militari russe ed austriache, ai tempi di Wagner. Tale diapason fu accettato per convenzione a Londra nel 1939, senza addurre alcuna giustificazione scientifica, e da lì in poi tutti vi si uniformarono.

Ciò che è stato fatto, dunque, è una deliberata alterazione delle frequenze, che ha portato conseguentemente ad una forzata incrinatura nelle armonie musicali. Perché ciò è stato fatto? Potrebbe trattarsi di una semplice scelta dettata dal gusto, oppure resta la possibilità che ci siano delle motivazioni nascoste.

La scienza oggi ci dice che nell’Universo tutto è energia in vibrazione. Il ritmo vibratorio di un oggetto, compreso il corpo umano, si chiama “risonanza”, mentre un suono è “la vibrazione di un corpo elastico, che si trasmette all’elemento circostante (aria), e si propaga vibrando per simpatia, non solo con gli strumenti della stessa nota, ma anche con multipli e sottomultipli della sua frequenza”. In base a quanto detto finora, è possibile ipotizzare che la disarmonia dettata da un diapason troppo acuto, possa essere una delle cause dei tanti comportamenti antisociali presenti nella nostra società. Basti pensare che circa il 99% delle produzioni musicali che ascoltiamo giornalmente attraverso i media, nei supporti fonografici (CD/DVD) e in rete, hanno di base un’accordatura a 440 Hz.

Graham H. Jackson, musicista e insegnante di formazione “steineriana”, ha speso la maggior parte della sua vita alla ricerca delle basi spirituali dell’armonia. Nel suo libro “The Spiritual Basis of Musical Harmony”, Graham racconta la vita e le esperienze della “sacerdotessa del tuning” Maria Renold. Maria era impegnata in una ricerca e sperimentazione basata sullo studio delle differenti accordature, e dei relativi effetti oggettivi riscontrabili sul pubblico. La musicista racconta che quando il suo pianoforte era intonato a 432 Hz, gli astanti osservavano non solo un incremento della ricchezza del timbro e della qualità del tono, ma anche che il suono sembrava provenire da alcuni punti imprecisati al centro della stanza, piuttosto che dal pianoforte stesso. Si fa così riferimento al famoso “libero tono eterico”, spesso citato da Rudolf Steiner. Una sorta di armonica addizionale, che opererebbe in risonanza con lo strumento.

Durante alcune sperimentazioni musicali, Maria Renold rilevò inoltre che attraverso la normale intonazione standard basata su un LA a 440 Hz, gli ascoltatori presenti nella stanza cominciavano ad assumere comportamenti polemici ed antisociali. Quando invece l’intonazione era a 432 Hz, le stesse persone, nuovamente invitate ad ascoltare il medesimo brano, rimanevano questa volta piacevolmente colpite. Per oltre vent’anni la Renold, intervistando e testando più di duemila persone, ebbe modo di constatare che oltre il 90% dei soggetti, preferiva a priori il tono più basso, formato da una normale scala basata su un DO a 256 Hz e su un LA a 432 Hz.

Oggi, finalmente i musicisti elettronici di tutto il mondo, si stanno scambiando le informazioni necessarie, che uniscono la teoria musicale dei Frattali con il tuning a 432 Hz, in modo da poter incominciare a comporre la loro musica in modo coerente e in armonia con il cuore umano (battiti cardiaci), la doppia elica del DNA (frequenza di replicazione), la sincronizzazione bi-emisferica del cervello, la frequenza fondamentale della risonanza di Schumann, e la geometria musicale della “creazione”.

I NAZISTI AVEVANO SCOPERTO CHE 440 HZ STIMOLA L’AGGRESSIVITA’

Laurent Rosenfeld ha scritto l’articolo “Come i nazisti hanno rovinato l’accordatura musicale“, pubblicato nel numero di settembre 1988 della rivista Executive Intelligence Review. Rosenfeld ha notato che è stata Radio Berlino, portavoce del ministro della propaganda nazista Joseph Goebbels, che ha organizzato una conferenza nel 1939 per sollecitare lo standard a 440 hertz. Questa conferenza ha posto le basi per la decisione del 1955 di fissare ufficialmente tale standard.

Goebbels aveva già fatto approvare tale accordatura come standard per la Germania, ma era già diffusa ai tempi delle bande militari del periodo wagneriano. Secondo alcuni studiosi la scelta dei 440 hz era frutto di ricerche in cui era emerso che 432 hz generalmente rilassavano gli animi, mentre 440 hz erano in grado di scatenare reazioni maggiormente violente tra le truppe di soldati.

432 Hertz

Per mezzo dell’accordatura del LA a 432 si arriva ad un Do di 256Hz, e all’interno di questa scala 8 Hz diventano il 27° sopratono di DO.  Per il principio delle armoniche secondo cui a un suono prodotto si aggiungono multipli e sottomultipli di quella frequenza, anche i Do delle altre ottave cominceranno a vibrare per “simpatia”, facendo risuonare naturalmente la frequenza di 8Hz.

8 HZ ALLA BASE DELLA VITA

  • 8Hz è il “battito” fondamentale del pianeta, noto come “risonanza fondamentale di cavità Schumann”;
  • 8 Hz è la frequenza su cui opera la molecola del DMT, una sostanza allucinogena prodotta dalla nostra ghiandola pineale;
  • 8 Hz sono la frequenza di replicazione del DNA umano e 8 Hz sono anche il ritmo delle onde Alfa del cervello nella quale i nostri “processori paralleli”, o bi-emisferi cerebrali, sono sincronizzati per lavorare insieme;
  • Dalle leggi di Keplero si sa che l’arrangiamento planetario del nostro sistema solare segue la scala di sintonia DO a 256 Hz, e questi ultimi sono persino un’ottava all’interno del Frattale Triangolare di Sierpinski.

8 HZ E RISVEGLIO DELLE FACOLTA’ UMANE

Ananda Bosman afferma che la neocorteccia, per il 90% “non assegnata”, viene risvegliata in questa sincronizzazione, operando in tutti i dentriti delle cellule con il flusso massimo di informazioni per quella scala. Le onde di consapevolezza “ordinarie” variano da 14 a 40 Hz. In questo range operano solamente alcuni dentriti delle cellule del cervello che utilizzano prevalentemente l’emisfero sinistro come centro di attività, dove il flusso di informazioni è miliardi di volte più debole. Un po’ come quando si utilizza un vecchio processore 386 comparato ad un Pentium di ultimissima generazione. In altri termini, a 8 Hz ognuno di noi potrebbe operare esattamente come un super-computer come spiegato in Il potere degli 8Hz – Sviluppo facoltà e percezioni eccezionali.

432 HZ: L’ACCORDATURA NATURALE, DA MOZART AI PINK FLOYD

Moltissimi ricercatori e musicisti hanno sperimentato tale beneficio tanto da sostenere con vigore che l’Accordatura Naturale è data solo sincronizzandosi sul LA a 432Hz. Questa frequenza già appartenuta al passato dell’uomo (vedi strumenti antichi greci ed egizi) è stata sostituita dal comune La 440Hz nel 1953 a Londra (dopo il tentativo del ministro della propaganda nazista Joseph Goebbels, nel 1939, di ottenere lo stesso risultato).

Molti sono i sostenitori della cosidetta accordatura aurea: da Mozart ai Pink

Mick Jagger
Mick Jagger

Floyd  a Mick Jagger, cantante dei Rolling Stones a livello internazionale, mentre in Italia da Ananda Bosman, Flavia Vallega, Andrea Doria a Riccardo Tristano Tuis. Fu sostenuta anche da Verdi, e in tempi più recenti da Pavarotti e Placido Domingo.

Giuseppe Verdi in una lettera del 1884, indirizzata alla commissione musicale del governo italiano, che non ebbe successo nel suo tentativo, parlava

Giuseppe Verdi
Giuseppe Verdi

di una riduzione che anche lui avrebbe visto di buon grado e cioè dal corista “normale” di 435Hz ad un corista di 432Hz, scrivendo al riguardo una frase di notevole importanza: “per esigenze matematiche“.

Maria Renold (1917 – 2003) nella sua interessante opera dal titolo: “Intervals, Scales, Tones and the Concert pich C 128Hz”, in cui con dati di grande fascino e ricchezza scientifica delucida in termini pitagorici tra altre informazioni vitali il 128Hz e il 432Hz conducendo il lettore ai frutti delle sue pluriennali ricerche, indicando l’importanza del LA 432Hz.

In concerti eseguiti con strumenti accordati sul La a 440 hz gli ascoltatori assumevano atteggiamenti polemici, antisociali. Ma gli stessi ascoltatori, invitati a riascoltare lo stesso concerto, stavolta eseguito con strumenti regolati su un La a 432 hz, acquistavano un atteggiamento positivo, se non entusiasta.
Non solo, 9 ascoltatori su 10 apprezzavano di più il secondo concerto, pur non sapendo indicare il motivo.

LA MUSICA A 432HZ GUARISCE

Molti medici e studiosi asseriscono che il motivo per cui una parte del corpo si ammala è perché la relativa frequenza si è alterata e, conseguentemente, il corpo vibra in modo disarmonico. L’essere in salute, secondo questi scienziati, è un vibrare all’unisono in modo armonico. Se si conosce la corretta frequenza di risonanza di un organo sano e la si proietta sulla parte malata, l’organo può tornare alla sua frequenza normale e quindi guarire. Se, al contrario, si proietta una frequenza disarmonica su un corpo sano, questo si ammala.

432 HZ tuning
432 HZ tuning

La musica a 432Hz essendo accordata sulle frequenze di armonia dei processi biochimici del nostro corpo sostiene e attiva il processo di guarigione. Alla cosiddetta frequenza dell’universo, vengono associati numerosi benefici psicofisici.. possiamo definirlo un “potere curativo“. Le onde sonore, infatti, modificano le caratteristiche corporee quali la respirazione, il battito del cuore, la sudorazione, le onde cerebrali e la risposta neuro-endocrina, stimolando l’equilibrio ed il rilassamento della mente e del corpo.

Chakra
Chakra

PERCHE’ LA MUSICA A 432 HZ CI RICONNETTE CON IL CREATO

La musica a 432 Hz non solo produce un suono più bello e avvolgente ma la ritroviamo nell’ambiente che ci circonda e nel nostro corpo. Infatti, un DO centrale del pianoforte intonato sulla frequenza di 440 hz è 261,262 hz, mentre intonato a 432 è 256 HZ. Con l’accordatura a 432 Hz se ci spostiamo verso le ottave sempre più basse arriveremo a trovare un DO a 128 Hz, uno a 64 Hz, uno a 32 Hz, uno a 16 Hz ed uno a 8 Hz. Per il principio delle armoniche secondo cui a un suono prodotto si aggiungono multipli e sottomultipli di quella frequenza, anche i Do delle altre ottave cominceranno a vibrare per “simpatia”, facendo risuonare naturalmente la frequenza di 8Hz.

Il potere dei 432 Hz sta proprio nel fatto di produrre la frequenza di 8 Hz:

  • La frequenza vibrazionale dell’idrogeno, che costituisce il 90% del nostro corpo ed è il composto più diffuso nell’universo, è di 8Hz. Quindi con la musica a 432 Hz vibriamo alla vibrazione intrinseca della materia;
  • Il “battito” fondamentale del pianeta, noto come “risonanza Schumann” è di circa 8 Hz: è la risonanza elettromagnetica globale nella cavità che si trova tra la superficie terrestre e la ionosfera. Quindi se siamo attraversati dagli 8 Hz ci riconnettiamo ed amplifichiamo la vibrazione naturale a cui apparteniamo e quindi ci difende dalle vibrazioni estranee prodotte dai campi elettromagnetici dei dispositivi elettrici ed elettronici che ci circondano;
  • La ghiandola pineale è attivata direttamente dalla frequenza di 8 Hz, stimolando la guarigione, il rallentamento dell’invecchiamento, la produzione di sostanze anti-tumorali, migliorando il sonno e accelerando l’evoluzione di coscienza;
  • La melatonina sottoposta ad 8 Hz induce la replicazione mitosica del DNA, rafforzando la riparazione del danno del DNA dovuto alla vecchiaia e, perfino, la rigenerazione;
  • La frequenza di replicazione della doppia elica DNA umano è di 8 Hz. Un team di ricercatori italoamericani guidati dal biologo Carlo Ventura e dal fisico James Gimzewski hanno dimostrato che il DNA vibra ad una certa frequenza durante la sua replicazione. Quindi il DNA se attraversato da questa frequenza evita di produrre i danni cellulari che sono alla base delle cellule tumorali;
  • La frequenza delle onde Alfa del cervello nella quale gli emisferi cerebrali sono sincronizzati per lavorare insieme in maniera uguale ricevendo il massimo flusso di informazioni è di 8 Hz;
  • L’ippocampo, zona del cervello limbico adibita alle funzioni della memoria, sopravvivenza e navigazione spaziale, risuona alla frequenza di 8 Hz. Il malfunzionamento di questa zona è legato ad Alzheimer, deficit di memoria, disprassia e altre patologie;
  • La frequenza subsonica di guarigione emessa dai delfini e dalle balene è proprio di 8 Hz;
  • I Merovingi, i Templari, il Loto, l’Infinito, l’ I Ching, tutti hanno il simbolo dell’8.

Gli 8 Hz sono in grado di aumentare la predisposizione ad imparare, inducendoci al theta mode, uno stato cerebrale che ci porta ad essere creativi e ad avere profonde intuizioni di natura scientifica, mistica o comportamentale. La neocorteccia del cervello viene risvegliata in questa sincronizzazione ed il risultato è una armonica compensazione del sistema nervoso che genera rilassamento e liberazione da stress ed aumenta le facoltà mentali.

 

Johnson & Johnson sentenced to pay 4.7 billion dollars: “Asbestos in its talc products, 22 women’s cancer”

Johnson & Johnson is guilty. According to a St. Louis court in the United States, the company has to pay about $ 4.7 billion between compensatory and punitive damages to women who have accused asbestos (asbestos) in its talc as responsible for their cancer ovaries. The sentence was pronounced after a five-week trial during which he was able to listen to dozens of experts. Johnson & Johnson, however, is not there and announces that he will appeal.

Johnson & Johnson
Johnson & Johnson

The verdict “is the product of a fundamentally unjust process,” says Carol Goodrich, spokesperson for Johnson & Johnson. The company’s products contain no asbestos and do not cause ovarian cancer, Goodrich adds, predicting that the verdict will be turned upside down. “The different errors in this process were worse than those in the previous processes that were then turned upside down”.

The jury of St. Louis first established compensatory damages, setting them at $ 550 million, or about 25 million for each of the 22 women represented in the trial. Then, after meeting again for an hour, he resolved the punitive damages quantifying them at 4.14 billion, bringing the total to 4.69 billion dollars. During the trial the lawyer of 22 women who revealed they had ovarian cancer used harsh words against Johnson & Johnson: he knew that his talc products contained asbestos and hid the information to the public, defending the image of talcum powder for children as “his sacred cow”, said Mark Lanier. Johnson & Johnson – he added – rigged the tests to avoid showing the presence of asbestos, he added.

news reported from the newspaper “Il Fatto Quotidiano” of 13 July 2018

Johnson & Johnson condannata a pagare 4,7 miliardi di dollari: “Asbesto nei suoi prodotti col talco, cancro a 22 donne”

Johnson&Johnson è colpevole. Secondo un tribunale di St. Louis, negli Stati Uniti, l’azienda deve pagare circa 4,7 miliardi di dollari fra danni compensativi e punitivi alle donne che hanno accusato sull’asbesto (amianto) presente nel suo talco come responsabile del loro cancro alle ovaie. La sentenza è stata pronunciata dopo un processo durato cinque settimane durante il quale ha avuto modo di ascoltare decine di esperti. Johnson&Johnson, però, non ci sta e annuncia che farà appello.

Johnson & Johnson
Johnson & Johnson

Il verdetto “è il prodotto di un processo fondamentalmente ingiusto” afferma Carol Goodrich, portavoce di Johnson&Johnson. I prodotti della società non contengono asbesto e non causano cancro alle ovaie, aggiunge Goodrich, prevedendo che il verdetto sarà capovolto. “I diversi errori presenti in questo processo sono stati peggiori di quelli nei precedenti processi che sono poi stati capovolti”.

La giuria di St. Louis ha stabilito prima i danni compensativi, fissandoli a 550 milioni di dollari, ovvero circa 25 milioni per ognuna delle 22 donne rappresentate nel processo. Poi, dopo essersi riunita nuovamente per un’ora, ha deliberato i danni punitivi quantificandoli in 4,14 miliardi, portando così il totale a 4,69 miliardi di dollari. Nel corso del processo il legale delle 22 donne che hanno rivelato di essere affette di cancro alle ovaie ha usato parole dure contro Johnson&Johnson: sapeva che i suoi prodotti al talco contenevano asbesto e ha nascosto l’informazione al pubblico, difendendo l’immagine del borotalco per bambini come la “sua mucca sacra”, ha detto Mark Lanier. Johnson&Johnson – ha aggiunto – ha truccato i test per evitare di mostrare la presenza di asbesto, ha aggiunto.

tratto dal giornale “Il Fatto Quotidiano” del 13 Luglio 2018

Ulysses in the Baltic Sea?

The Trojan war? Ulysses’ travels? A saga set in the Baltic Sea. The idea, at first sight bizarre, is the daughter of a curious story and, after twenty years and not a few irony and objections, it is taken so seriously that various scholars are evaluating it carefully. For example, the university dedicated a conference to it, whose proceedings were published in 2014: . Not only that: in recent years, meetings and seminars have been organized in many Italian and foreign universities. Two international scientific conferences have been organized in Finland. The thesis, however, has also made a breach in the academic world of overseas: the theory, which continues to arouse considerable reservations (and who writes belongs to the skeptical group), is also supported by William Mullen, professor of Bard College in New York.

He, the creator and tenacious supporter of this proposal, is not an archaeologist or a classical philologist; he is an engineer. It’s called Felice Vinci (nomen omen?). And he came to this theory a little by chance. Specializing in the nuclear field, after the 1987 referendum, who said no to the power plants of that type, he found himself with a lot of free time and a youthful passion that he could finally recover: that for the Iliad and the Odyssey. Taking back the beloved volumes, the first doubts were insinuated, <for the entity – as he himself explained in an interview – of the geographical discrepancies of the Homeric world compared to the Mediterranean one, since ancient times quickly cleared with the famous phrase “Homer is a poet and not a geographer”, which however is ill-suited to the remarkable internal coherence of Homeric geography>.

Precise as it is, the engineer Vinci who does? He takes the plane and flies to Northern Europe: he studies, tests in the field. And so a book comes out of it, <Homer in the Baltic. The northern origins of the Iliad and the Odyssey> (Palombi, 1995).

The basic theory is as simple as revolutionary: the Achaeans, blond and often covered with furs, as Homer would have described them, were peoples of the north who emigrated south in the middle of the second millennium, bringing with them names and toponyms, myths and traditions . Or, to quote the very serene abstract of the proceedings of the conference entitled La Sapienza, <according to this theory the Iliad and the Odyssey, the two poems underlying Western literature, would be the reworking of sagas born in Northern Europe and set in their version final in the Mediterranean, following the migration of northern populations to the south. From Scandinavia and the Baltic Sea, where a rich Bronze Age had flourished in the second millennium, migrations, due to a sharp worsening of the climate, would have brought the legends of their world to the South of Europe, which would eventually be written down in the VIII century in the Mediterranean scenario>.

Periodo Miceneo
Periodo Miceneo

So perhaps the foundation of the first Mycenaean centers would be explained, whose earliest tombs are rich in Baltic amber. These people would then give the new locations the names of the northern locations. Thus the Trojan war, according to this theory, dates back to the eighteenth century. The reasoning of Vinci starts from the findings of ancient literature. Already in the II century BC Cratete di Mallo did not exclude a Nordic-Arctic location of the adventures of Ulysses. Strabo hypothesized a setting in the Atlantic ocean. But above all the island of Ogygia where Ulysses was held prisoner by the nymph Calypso, according to a plutarch text, is found five days of sailing from Britain to the west. In short, one of the Fær Øer (Hogoyggj). As for the land of the Phaeacians, with no evidence in southern Europe, according to Vinci it would be identifiable with the area of ​​Bergen, at the mouth of the river Figgjo. That’s why Ulysses noticed at the landing the sea flow back into the river, a phenomenon not found in the Mediterranean..

But there’s more. According to Vinci, who analyzes the morphology, position and toponyms of each Homeric town, everything can find an exact location in Northern Europe. Some examples. Ithaca? It would be the islet of Lyø in the Danish archipelago of South Funen: it coincides with the description of Homer. A never identified Dulichio? It would correspond to the island of Langeland (although both mean, in Greek and in Danish, “long island”). Troy in Toija in southern Finland.

Fog, winds, storms: the climate described by Homer does not seem that of the Mediterranean. The heroes are very copious and do not sweat. Of course during the Trojan war the average temperature was lower than the current one, but the climate described by Homer could not be that of the Aegean, especially if we take into account that the events narrated would seem to take place mostly in the summer. In northern Europe, however, temperatures were higher then.

As for the myth, the Greek world and the Scandinavian world present remarkable cultural analogies.

In the last edition of the book further, suggestive topics emerge. Among these, also the map of the medieval geographer Adamo di Brema where the Cyclops are located along the coast of northern Norway.

Many significant objections remain open and the perplexities seem to be very well founded; certainly the theory of Vinci can not but fascinate, as it could weld in a new cultural perspective the history of northern and southern Europe.

by Christian Stocchi, from the web site “i Fiori del male

Ulisse nel Mar Baltico?

La guerra di Troia? I viaggi di Ulisse? Una saga ambientata nel mar Baltico. L’idea, a prima vista bizzarra, è figlia di una storia curiosa e, dopo vent’anni e non poche ironie e contestazioni, è presa talmente sul serio che vari studiosi la stanno valutando attentamente. Ad esempio, l’università <La Sapienza> ha dedicato a essa addirittura un convegno, i cui atti sono stati pubblicati nel 2014:<La Scandinavia e i poemi omerici. La parola agli scienziati, con contributi di letterati>. Non solo: negli ultimi anni sono stati organizzati incontri e seminari in numerosi atenei italiani e stranieri. Due convegni scientifici internazionali sono stati organizzati in Finlandia. La tesi ha tuttavia fatto anche breccia nel mondo accademico d’oltreoceano: la teoria, che pure continua a suscitare consistenti riserve (e chi scrive appartiene al gruppo degli scettici), è sostenuta anche da William Mullen, professore del Bard College di New York.

Lui, l’ideatore e sostenitore tenace di questa proposta, non è un archeologo o un filologo classico; è un ingegnere. Si chiama Felice Vinci (nomen omen?). E arrivò a questa teoria un po’ per caso. Specializzato in ambito nucleare, dopo il referendum del 1987, che disse no alle centrali di quel tipo, si ritrovò con molto tempo libero e una passione giovanile che finalmente poteva recuperare: quella per l’Iliade e l’Odissea. Ripresi in mano gli amati volumi, s’insinuarono i primi dubbi, per <l’entità – come spiegò egli stesso in un’intervista – delle discrepanze geografiche del mondo omerico rispetto a quello mediterraneo, sin dai tempi antichi sbrigativamente liquidate con la famosa frase “Omero è un poeta e non un geografo”, che peraltro mal si concilia con la rimarchevole coerenza interna della geografia omerica>.

Preciso com’è, l’ingegner Vinci che fa? Prende l’aereo e vola nel Nord Europa: studia, verifica sul campo. E così ne esce un libro, <Omero nel Baltico. Le origini nordiche dell’Iliade e dell’Odissea> (Palombi, 1995).

La teoria di fondo è tanto semplice quanto rivoluzionaria: gli Achei, biondi e spesso coperti di pellicce, come li avrebbe descritti Omero, erano popoli del nord che emigrarono a sud alla metà del II millennio, portando con sé dei e toponimi, miti e tradizioni. O, per citare il serissimo abstract degli atti del convegno targato La Sapienza, <secondo questa teoria l’Iliade e l’Odissea, i due poemi alla base della letteratura occidentale, sarebbero la rielaborazione di saghe nate nel Nord Europa e ambientate nella loro versione finale nel Mediterraneo, in seguito alla migrazione verso Sud delle popolazioni nordiche. Dalla Scandinavia e dal mar Baltico, dove nel secondo millennio era fiorita una ricca civiltà del Bronzo, le migrazioni, dovute a un brusco peggioramento del clima, avrebbero portato nel Sud dell’Europa le leggende del loro mondo, che infine sarebbero state messe per iscritto nell’VIII secolo nello scenario del Mediterraneo>.

Periodo Miceneo
Periodo Miceneo

Così forse si spiegherebbe la fondazione dei primi centri micenei, le cui tombe più antiche sono ricche di ambra baltica. Queste genti avrebbero quindi dato alle nuove sedi i nomi delle località nordiche. Perciò la guerra di Troia, secondo questa teoria, risalirebbe al XVIII secolo. Il ragionamento di Vinci parte dai riscontri effettuati della letteratura antica. Già nel II secolo a.C. Cratete di Mallo non escludeva una collocazione nordico-artica delle avventure di Ulisse. Strabone ipotizzava un’ambientazione nell’oceano Atlantico. Ma soprattutto l’isola di Ogigia dove Ulisse sarebbe stato tenuto prigioniero dalla ninfa Calipso, secondo un testo plutarcheo, si trova <a cinque giorni di navigazione dalla Britannia verso occidente>: insomma, una delle Fær Øer (Hogoyggj). Quanto alla terra dei Feaci, senza riscontri nel sud Europa, secondo Vinci sarebbe identificabile con la zona di Bergen, alla foce del fiume Figgjo. Ecco perché Ulisse notò all’approdo il mare rifluire nel fiume, fenomeno non riscontrabile nel Mediterraneo.

Ma c’è di più. Secondo Vinci, che analizza morfologia, posizione e toponimi di ogni località omerica, tutto può trovare un’esatta collocazione nel Nord Europa. Qualche esempio. Itaca? Sarebbe l’isoletta di Lyø nell’arcipelago danese della Sud Fionia: coincide con la descrizione di Omero. A mai identificata Dulichio? Corrisponderebbe all’isola di Langeland (peraltro entrambe significano, in greco e in danese, “isola lunga”). Troia a Toija nella Finlandia del sud.

Nebbia, venti, burrasche: il clima descritto da Omero non sembra quello del Mediterraneo. Gli eroi sono copertissimi e non sudano. Certo nel corso della guerra di Troia la temperatura media era più bassa dell’attuale, ma il clima descritto da Omero non potrebbe essere quello dell’Egeo, soprattutto se si tiene conto che le vicende narrate sembrerebbero svolgersi per lo più in estate. Nel nord Europa, invece, le temperature allora erano più alte.

Quanto al mito, mondo greco e mondo scandinavo presentano notevoli analogie culturali.

Nell’ultima edizione del libro emergono ulteriori, suggestivi argomenti. Tra questi, anche la mappa del geografo medievale Adamo di Brema in cui i Ciclopi sono collocati lungo la costa della Norvegia settentrionale.

Restano aperte molte significative obiezioni e le perplessità sembrano assai fondate; certo la teoria di Vinci non può non affascinare, in quanto potrebbe saldare in una nuova prospettiva culturale la storia del nord e del sud Europa.

di Christian Stocchi, tratto dal sito “i Fiori del male

The power of being “on the same boat”

 

by Lynne McTaggart

In 1954, 22 eleven-year-old of Protestant religion children from Oklahoma City, all coming from middle-class families, who were already known and whose mental stability was carefully verified, boarded two coaches to a summer camp of boy scouts of 200 acres near Robbers Cave National Park, Oklahoma. To observe all this from the perspective of “guardian” of the field was the creator of the study,Muzafer Sherif, born in Turkey and graduated from Harvard and subsequently referred to as the founder of the discipline of social psychology. At that time there was no informed consensus yet, and the boys did not know they were about to become the guinea pigs of one of the most fascinating and appreciated psychological studies ever on group behavior.

Muzafer Sherif
Muzafer Sherif

For the first few days, field leaders (actually a team of psychologists, including Sherif’s wife) encouraged each group to carry out activities to consolidate ties between members of the same group. Each group had to choose a name (“Snakes” and “Eagles” were chosen), create their own “flag”, choose their own field locations, write songs, and invent special behaviors that were “just” their own. Each group stayed in separate areas well spaced from the other group, and during the initial period nobody was allowed to meet members of the other group.

In the next phase of the study, Sherif and his researchers prepared situations specifically aimed at fomenting competitiveness and frustration in order to create conflicts between the two groups. Announced a sports tournament and other competitive games, putting on trophy, medals and eleven Swiss four-blade knifes, which were the most prized prize for the winning team. Finally, after a day of workouts, each group was finally able to see the opponents, now already detested.
During the four days of races, the staff manipulated the scores so they staged a constant head-to-head, and making sure the two teams were constantly aware of the almost equal situation. The initial sportsman soon gave way to insults and invitations, and even the boys refused to eat if there was a member of the other group in the dining room.

Shortly thereafter, it was no longer necessary for the investigators to instigate the prejudices between the two groups. Tortured as a troop of soldiers, the Snakes made an incursion into the Eagles cottage, tearing the mosquito nets and turning their beds. The Eagles avenged themselves with their interests: armed with clubs and sticks, throwing all the Snakes into a pile in the center of the cottage. Each team destroyed the flags of the other. The day when the Eagles won the tournament, the Snakes organized an assault and steal the swords from their opponents. The ever-growing hatred culminated in a fierce fight of fists that required adult intervention.
After fierce blaspheming the bias between the two groups, the Sherifs experimented with activities to encourage factions to socialize among themselves. But neither the excursions, the festivities, the film’s sighting, nor the celebrations of July 4 seemed to loosen the tension.

Then the Sherifs created a series of crisis situations in the field that could not be solved without the resources and participation of all the boys in the two groups. When the drinking water was suddenly over and the boys discovered that a tank cock was blocked by a large plastic bag, the two groups had to work together to try to free it. Snakes and Eagles were also enlisted to pull a rope together to move a semi-fallen tree that could be dangerous and then to help recover from a ditch on the roadside the truck carrying food for both groups.
Once the faucet was disassembled, the Serpents allowed the Eagles to drink first, since they had not brought the bottles with them and were thirsty. After the boys had collaborated to collect money for a movie, the Sherifs noticed that the two groups returned eating together with the canteen, even mixing with each other. On the last day of the summer camp, the boys voted unanimously to travel on the same coach for the return. Snakes and Eagles sat next to each other and with their arms around their shoulders. During a stop on the way back, the Snakes squadron spent $ 5 in winning a target shooting race to buy sweets for all 22 kids.

William Golding described his vision of an intrinsic “darkness of the heart of man” in The Lord of the Flies: Once the patina of civilization has been removed, even the children are able to become wild. Sherif’s study shows the opposite. Schoolmates are actually capable of becoming cruel and overpowering against each other if they are divided into opposing groups and compelled to compete for the few available resources. But when the children of Robbers Cave faced a common goal, more important than the personal and group ends, they dwindled divergences to cooperate as a superorganism.
Psychologists speak of an over-coordinated goal: a goal achieved through cooperative teamwork of two or more people. Engaging in teamwork and teamwork tends to overcome divergences because it emphasizes the very essence of humanity: the fact that we are all on the same boat. And if all of us are on the same boat, we are no longer competing for the few available resources.

We’re all on the same boat
Traditionally, economists argue that we give the best contribution to society when we try to get ahead of others. But recent sciences clearly demonstrate that it is much better if we choose what is good not only for ourselves but also for all the people around us. All cases of conflict resolved positively have a common thing: the ability to exploit the fundamental human need to create a Tie and overcome the conception that “everyone thinks for themselves”, knowing that “we are all on the same boat.”.
Indeed, people who are activating together join; The evidence shows that whenever a group collaborates for a common goal, the brains of all people begin tuning to the same wavelength, reinforcing the Bond within the group.
The electrical activity of each individual in the group begins to resonate on a common wavelength, such as a perfectly tuned chorus. As a cohesive group of electrons that begin to vibrate like a giant single electron, the group creates a resonance that amplifies the individual effect.

The psychologists of the Max Plank Human Development Institute in Berlin, Germany, and of the University of Salzburg in Austria, studying the brain activity of pairs of guitarists playing a short track together found that the brain waves of each pair Were highly synchronized when they began their overall execution.
Whole areas of the brain presented synchronized patterns, particularly the areas that govern proprioception (their position in space), and this indicated that each individual lost part of their sense of separation and gained a sense of union during the performance of music . These results show that we go beyond ourselves when we work to create something together.
This study has wide implications, as most of our interactions with the world consist of synchronized actions and directed at one goal together with other people. As a jazz band that works together as a superorgan to produce a common sound, we are tuning to the wavelength of others whenever we work together to produce a common result.We manage to get along with others, as far as we are, by simply sharing an activity or a goal.

Also becoming part of a superorganism makes us physically much stronger. Recently, a group of anthropologists at Oxford University measured the singular components of Oxford’s canoeing team during workouts, finding that they had a much greater pain tolerance after group workouts than when they practiced from only.
The synchrony of shared physical activity apparently created a greater release of endorphins, which could have something to do with the creation of a collective connection. The canniers created a “field” that amplified individual efforts and overcame individual limits. Within the field, the whole was larger than the sum of the parts.
Now scientists know that neurons become more efficient and function as a unit when they are stimulated together repeatedly and persistently: neurons that activate together join together. And it can be as true that people who are actively working together develop a union. When we work together with others for a common purpose, soon we literally tune in to their wavelength.
When we do things in a group, the impulse that we find finding us all “on the same boat” is actually what allows us to withstand difficulties, including pain. It is a proof that there is really a “force in numbers” and it also explains why we try something extraordinarily similar to magic when we are part of groups that work for a common goal. Let’s go out of our individuality and join the Tie.

 

The power of group thinking
I am conducting an ongoing experiment on intentionality: we observe the power of group thinking in the context of meticulous controlled scientific experiments and also, informally, during seminars and within our community of “intentions”. In 2007, working with a large pool of physicists, biologists, psychologists, statisticians and neuroscientists in the field of research on conscience, I created the largest global lab and conducted the first controlled experiments on the power of mass intent to change the world physical.
Over the past eight years, these studies involved, in total, hundreds of thousands of my international readers, with volunteer participants from over 100 countries who have targeted their intentions towards certain goals under scientifically controlled conditions through the Intention Experiment site(www.theintentionexperiment.com), during conferences and seminars organized in various countries or live web.

We have systematically carried out experiments on various “animal, mineral and vegetable” targets, representative of all the elements of the planet, with experimental models initially very simple and increasingly complex. Up to now, 4 experiments on leaves and seeds, 10 experiments with plants, 7 on water (one “live” on water samples taken from a Japanese lake), 4 experiments of intentionality for peace and 2 Experiments on sufferers suffering from anxiety.
Even the simplest of these experiments were performed under strict scientific conditions, following a very accurate protocol. For example, for our first simple experiments on sending intentions to increase leaf light, our laboratory technicians at Arizona University followed a protocol of 50 passages, including accurate leaf selection Of identical geranium for the size and value of the light emitted. And practically every experiment was done with one, or often more, control groups.
In the 27 experiments conducted to date, 23 showed measurable and often significant changes. To look at this figure in perspective, even one of the medicines produced by the pharmaceutical industry can boast such a level of positive effects.

In these scientifically-controlled experiments, most of us blind, we have shown that the mind of the group is able to:

  • Modify the elemental physical properties of the leaves;
  • Grow plants at a height almost twice as normal;
  • Alter the molecular structure of tap water clusters;
  • Change the pH of the polluted water (and then purge it);
  • Reduce violence in an area of ​​war or high crime;
  • Improve the health of patients with diagnosed diseases.

Experiments are even more interesting for what they reveal about human conscience, especially about the possibility that a collective consciousness exists. They have repeatedly demonstrated that, collectively, the human mind has the extraordinary ability to operate in a non-local way and overcome space and time; Our intenders from 98 countries around the world have formed experimental groups from 1,000 to 15,000 people, and their contact with the targets was simply through a photograph published on our site. Despite the fact that their only link was an Internet site, they immediately established deep contact with each other and with the target.

The virtuous circle
Although the results of these experiments are surprising in itself, the most interesting phenomenon, for me, is the effect that our larger-scale studies have produced on the participants. By our major online experiments resulted in comments by ecstatic experiences, a deep and palpable sense of unity.
Despite the participants connect to our website from separate computers around the world, report that they feel a sense of connection with other people of the experiment that are thousands of kilometres away. The experience of group intention appears to result in changes in individual consciousness, breaking time and space by removing the sense of separation and individuality and infusing in the group members what only can be described as a State of ecstatic Union.

In September 2008, I conducted an experiment with 15,000 participants from 60 countries around the world, assessing whether the “mind of the group” had the power to reduce violence and restore peace. The plan was for readers from various parts of the world to join forces on our site to “send” peace to a particular war-torn area, in this case Sri Lanka.
In a survey conducted by participants at the end of the experiment, about 46% reported having noticed long-term changes in relationships with other people after the experiment. The group experience apparently had helped them feel more love in general, whether they knew the recipients or not. Although more than a quarter had more love for near people or for people with disadvantages or disagreements, a greater percentage, 41%, felt more love for anyone with whom he came in contact, and 19% To get along with perfect strangers.
In fact, when the survey asked who the reports were getting better, 38% responded to having noticed the most obvious changes in the relationship with the strangers. The experience of ties with thousands of outsiders has given many people the ability to be more inclined to people they did not know personally. I was astonished by their reactions in describing repeatedly states of bliss and a palpable sense of unity during the experiment.
Many have felt this feeling on a profoundly physical level: “Already 10 minutes before the experiment I started to feel a pressure on the head,” a participant wrote. “As if my brain was connected to a larger network. Right after the experiment, it’s gone. ”
“I’ve been part of an energy wave (more or less as I suppose it should be inside a beam, like those of Star Trek),” wrote another. “I was dragged on this gigantic wave of energy but at the same time I was part of the cause of the wave … it was very powerful.”
For many others, the feeling of union with the other participants and the people of Sri Lanka was intense: “In addition, the first two days I felt extremely emotional (crying) because of the power of the experiment. I’ve never tried anything like that. ”
“I realized the union of masses of people, so intense I could almost ‘see’ them, but I certainly felt them.”
“I felt a strong sense of unity, a stream of energy that went from Earth to earth, far beyond … universal.”
“Every time I sent my intention to ‘charge’ to the goal, within a few seconds I received a ‘wave of emotions’. These feelings included fear and terror, which I transformed into love and compassion and that I returned in turn

I came to call this phenomenon the “power of the eight.” This kind of powerful bond can occur in just one day. During weekend seminars, we divide the audience of participants into eight groups, and we ask groups of perfect strangers to send their thoughts of affection among them.
Over the years, we have witnessed, one after the other, stories of extraordinary improvements, both in the sender and the recipient. For example, Sally suffered from arthritis, which prevented him from walking on the stairs: the day after he received the healing intent was able to go down the stairs without fatigue. Marekje had multiple sclerosis and was struggling to walk without support. The morning after his intention, he arrived at the seminary without crutches. Perhaps the most amazing case is that of Marcia, a woman who suffered from a blurred vision of one eye. The following day to the group’s healing intentions, he said he saw us almost perfectly from the sick eye.

Even more significant of the effects of healing is the powerful effect of the community. During these seminars, strangers begin to resound together as a unit: for example, in Holland at a recent seminar, I found that many groups reported that they had exactly the same views during group intentions. In a group that concentrated on sending intentions to a woman with back problems, she and many other members of the group imagined the same inner vision: her spine that was extracted from the body and infused with light.
The sentiment of units described by participants in the seminars and the Intention Experiment community is an example of the pure bonding sound effect. The mere act of belonging to a small group of strangers and offering something inside is so powerful and gives so much satisfaction to our deeper desires to heal both the healer and the recipient.

– Insights –
What is Tie?
Alternative scientists, including biologists, psychologists, and sociologists, have found evidence that individuals are far less “individual” than they thought in the past. Among the smallest particles of our being, between our body and the environment, between ourselves and all the people with whom we are in contact, among every member of each social group, there is a Tie, an essential and profound connection to There is no clear demarcation between the end of an entity and the beginning of another. The way in which the world basically works is not through the activity of individual entities, but through their connection … in a sense within the space between things.
The most essential aspect of life is not the isolated thing, whether it is a subatomic particle or a perfectly formed living being. It is the relationship itself: the inseparable and irreducible Bond. This connection, the space between them, keeps the key to the life of every organism, from subatomic particles to large scale societies, and also the key to a living future./span>

The power of “us” is good for the ego
Much of the research on inner dialogue, or the monologues often used by people to encourage themselves before a performance, focuses on internal affirmations regarding the “I” to increase personal confidence. For this reason, a group of researchers from Michigan State University has decided to study what happens to individual performance when participants focus their internal dialogues on the performance of the group as a single body.
They randomly subdivided 80 participants into a darts race in 3 groups; The first group used internal dialogues focused on individual capabilities and performance; The second used dialogues that emphasized the capabilities and performance of the group, while the third, the control group, simply kept neutral thoughts.
Assessing the results, the researchers noted that both personal confidence and performance were better among those who had focused on group thinking. Those who orientated their inner dialogue on the group showed more confidence in the team but also had better individual performance.
This study has enormous implications for all aspects of our lives, as it shows that focusing on group efforts is naturally beneficial to everyone.
Just think of “us” to do good to “me”.

“Note:
1) – D. I. Radin, ‘Event related EEG correlations between isolated human subjects,’ Journal of Alternative and Complementary Medicine, 2004; 10: 315-24.
2) – Rollin McCraty e all. ‘The Electricity of Touch: Detection and Measurement of Cardiac Energy Exchange Between People,’ in Karl H. Pribram, a cura di, Brain and Values: Is a Biological Science of Values Possible? Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum Associates, 1998: 359-379.
3. M Yamamoto e all., ‘An Experiment on Remote Action against Man in Sense Shielding condition,’ Journal of the International Society of Life Information Sciences, 1996; 14 (1): 97-99.

the author:

Lynne McTaggart
Lynne McTaggart

Lynne McTaggart, one of the leading voices in the new awareness movement, is the author of six award-winning books, including the world’s best-sellers The zero point field, The Science of Intent, The Bond – The Quantum Bond and What the Doctors They do not say. As a director of What Doctors Do not Tell You (www.wddty.com), he is one of the most respected health publications in the world and cares for the most popular teleconferences and seminars on health and spirituality.

Il potere dell’essere “sulla stessa barca”

 

di Lynne McTaggart

Nel 1954, 22 bambini undicenni di religione protestante di Oklahoma City, tutti provenienti da famiglie della classe media, che si conoscevano già e la cui stabilità mentale era stata attentamente accertata, salirono a bordo di due pullman diretti a un campo estivo dei boy scout di 200 acri nelle vicinanze del Parco Nazionale di Robbers Cave, in Oklahoma. A osservare tutto questo dalla prospettiva di “custode” del campo era l’ideatore dello studio, Muzafer Sherif, nato in Turchia e laureato ad Harvard e successivamente indicato come il fondatore della disciplina della psicologia sociale. In quei tempi non esisteva ancora il consenso informato, e i ragazzi non sapevano che stavano per diventare le cavie di uno dei più affascinanti e apprezzati studi psicologici di sempre sul comportamento di gruppo.

Muzafer Sherif
Muzafer Sherif

Per i primi giorni, i responsabili del campo (in realtà un’équipe di psicologi, fra cui la moglie di Sherif) incoraggiarono ciascun gruppo a svolgere attività per consolidare i legami fra membri dello stesso gruppo. Ogni gruppo doveva scegliersi un nome (vennero scelti i “Serpenti” e le “Aquile”), crearsi una propria “bandiera”, scegliere come propri alcuni luoghi del campo, scrivere delle canzoni e inventare dei comportamenti particolari che fossero esclusivamente “propri”. Ogni gruppo alloggiava in zone separate ben distanziate rispetto all’altro gruppo, e durante il periodo iniziale non fu permesso a nessuno di incontrare membri dell’altro gruppo.

Nella fase successiva dello studio, Sherif e i suoi ricercatori prepararono delle situazioni volte appositamente a fomentare la competitività e la frustrazione in modo da generare conflitti fra i due gruppi. Annunciarono un torneo sportivo e altri giochi competitivi, mettendo in palio un trofeo, delle medaglie e undici coltellini svizzeri a quattro lame che erano il premio più ambìto per la squadra vincitrice. Infine, dopo una giornata di allenamenti, ogni gruppo finalmente poté vedere gli avversari, ormai già detestati.
Durante i quattro giorni di gare, lo staff manipolò i punteggi in modo da inscenare un costante testa-a-testa, e assicurandosi che le due squadre fossero costantemente consapevoli della situazione di quasi parità. L’iniziale sportività cedette presto il passo a insulti e invettive, e addirittura i ragazzi si rifiutavano di mangiare se nella sala-mensa era presente un membro dell’altro gruppo.
Dopo poco tempo non fu più necessario che fossero gli sperimentatori a istigare i pregiudizi fra i due gruppi. Agghindati come un commando di soldati, i Serpenti fecero un’incursione nel cottage delle Aquile, lacerando le zanzariere e rivoltando i letti. Le Aquile si vendicarono con gli interessi: armati di mazze e bastoni, gettarono tutti gli averi dei Serpenti in un mucchio al centro del cottage. Ogni squadra distrusse le bandiere dell’altra. Il giorno in cui le Aquile vinsero il torneo, i Serpenti organizzarono un assalto e rubarono i coltellini svizzeri vinti dagli avversari. L’odio sempre crescente culminò in una feroce lotta a suon di pugni che richiese l’intervento degli adulti.
Dopo aver inasprito ferocemente i pregiudizi fra i due gruppi, gli Sherif sperimentarono delle attività per incoraggiare le fazioni a socializzare fra loro. Ma né le escursioni, né le feste, né la visione di film, né le celebrazioni del 4 luglio sembravano riuscire ad allentare la tensione.

Poi gli Sherif crearono una serie di situazioni di crisi al campo che non si potevano risolvere senza le risorse e la partecipazione di tutti i ragazzi dei due gruppi. Quando improvvisamente finì l’acqua potabile e i ragazzi scoprirono che un rubinetto della cisterna era ostruito da un grosso sacchetto di plastica, i due gruppi dovettero lavorare insieme per cercare di liberarlo. I Serpenti e le Aquile inoltre furono arruolati per tirare insieme una fune per spostare un albero semi-caduto che poteva essere pericoloso e poi per aiutare a recuperare da un fosso sul ciglio della strada il camion che trasportava i viveri per entrambi i gruppi.
Una volta che il rubinetto fu disostruito, i Serpenti permisero alle Aquile di bere per prime, dato che non avevano portato con sé le borracce e avevano più sete. Dopo che i ragazzi avevano collaborato per raccogliere i soldi per un film, gli Sherif notarono che i due gruppi ritornarono a mangiare insieme alla mensa, anche mescolandosi fra loro. L’ultimo giorno del campo estivo, i ragazzi votarono all’unanimità di viaggiare sullo stesso pullman per il ritorno. I Serpenti e le Aquile sedevano vicini e con le braccia intorno alle spalle degli altri. Durante una sosta sulla strada del ritorno, il caposquadra dei Serpenti spese 5 dollari che aveva vinto a una gara di tiro al bersaglio per comprare dei dolci per tutti i 22 ragazzi.

William Golding descrisse la sua visione di una intrinseca “oscurità del cuore dell’uomo” ne Il signore delle mosche: una volta rimossa la patina della civiltà, persino i bambini sono capaci di diventare selvaggi. Lo studio di Sherif dimostra il contrario. Gli scolari sono effettivamente capaci di diventare crudeli e prepotenti gli uni contro gli altri se vengono divisi in gruppi opposti e costretti a competere per conquistare le poche risorse disponibili. Ma quando i bambini di Robbers Cave si trovarono di fronte a un obiettivo comune, più importante dei fini personali e del gruppo, misero da parte le divergenze per cooperare come un superorganismo.
Gli psicologi parlano di obiettivo sovraordinato: un obiettivo raggiunto attraverso il lavoro di squadra cooperativo di due o più persone. Impegnarsi nella condivisione e nel lavoro di squadra tende ad appianare le divergenze, perché si enfatizza l’essenza stessa dell’umanità: il fatto che siamo tutti sulla stessa barca. E se tutti quanti siamo sulla stessa barca, non siamo più in competizione per le poche risorse disponibili.

Siamo tutti sulla stessa barca
Tradizionalmente gli economisti sostengono che diamo il miglior contributo alla società quando cerchiamo di primeggiare rispetto agli altri. Ma le scienze più recenti dimostrano con chiarezza che è molto meglio se scegliamo ciò che è bene non solo per noi stessi ma anche per tutte le persone che ci circondano. Tutti i casi di conflitti risolti positivamente hanno una cosa in comune: la capacità di sfruttare il bisogno umano fondamentale di creare un Legame e superare la concezione per cui “ognuno pensa per sé”, capendo che “siamo tutti sulla stessa barca”.
In effetti, le persone che si attivano insieme si uniscono; le prove dimostrano che ogni volta che un gruppo collabora per un obiettivo comune, i cervelli di tutte le persone iniziano a sintonizzarsi sulla stessa lunghezza d’onda, rafforzando il Legame all’interno del gruppo.
L’attività elettrica di ciascun individuo nel gruppo inizia a risuonare su una lunghezza d’onda comune, come un coro perfettamente intonato. Come un gruppo coeso di elettroni che inizia a vibrare come un unico elettrone gigante, il gruppo crea una risonanza che amplifica l’effetto individuale.

Gli psicologi dell’Istituto Max Plank di Sviluppo Umano a Berlino, in Germania, e dell’Università di Salisburgo, in Austria, studiando l’attività cerebrale di coppie di chitarristi che suonavano un breve brano insieme hanno scoperto che le onde cerebrali di ciascuna coppia erano altamente sincronizzate quando iniziavano la loro esecuzione d’insieme.
Intere aree del cervello presentavano modelli sincronizzati, in particolare le aree che governano la propriocezione (la propria posizione nello spazio), e ciò indicava che ciascun individuo perdeva una parte del proprio senso di separazione e acquisiva un senso di unione durante l’esecuzione della musica. Questi risultati dimostrano che noi andiamo oltre noi stessi quando lavoriamo per creare qualcosa insieme.
Questo studio ha ampie implicazioni, considerando che gran parte delle nostre interazioni con il mondo consistono in azioni sincronizzate e dirette a un obiettivo insieme ad altre persone. Come un gruppo jazz che opera insieme come un superorganismo per produrre una sonorità comune, ci sintonizziamo sulla lunghezza d’onda degli altri ogni volta che lavoriamo insieme per produrre un risultato comune. Riusciamo ad andare d’accordo con gli altri, per quanto siano diversi da noi, semplicemente condividendo un’attività o un obiettivo.

Inoltre fare parte di un superorganismo ci rende fisicamente molto più forti. Recentemente, un gruppo di antropologi dell’Università di Oxford ha misurato la soglia del dolore di singoli componenti della squadra di canottaggio di Oxford durante gli allenamenti, scoprendo che avevano una tolleranza al dolore molto maggiore dopo gli allenamenti di gruppo rispetto a quando si esercitavano da soli.
La sincronia dell’attività fisica condivisa apparentemente creava un maggiore rilascio di endorfine, il che potrebbe avere qualcosa a che fare con la creazione di una connessione collettiva. I canottieri creavano un “campo” che amplificava gli sforzi individuali e scavalcava i limiti dei singoli. All’interno del campo, l’intero era maggiore della somma delle parti.
Ora gli scienziati sanno che i neuroni diventano più efficienti e funzionano come un’unità quando vengono stimolati insieme in modo ripetuto e persistente: i neuroni che si attivano insieme si uniscono. E può essere altrettanto vero che le persone che si attivano insieme sviluppino un’unione. Quando lavoriamo insieme agli altri per uno scopo comune, ben presto ci sintonizziamo letteralmente sulla loro lunghezza d’onda.
Quando facciamo delle cose in gruppo, l’impellenza che proviamo trovandoci tutti “sulla stessa barca” è in realtà ciò che ci permette di resistere alle difficoltà, compreso il dolore. È una prova del fatto che esiste davvero una “forza nei numeri” e spiega anche perché proviamo qualcosa di straordinariamente simile a una magia quando facciamo parte di gruppi che operano per un obiettivo comune. Usciamo dalla nostra individualità ed entriamo nell’ambito del Legame.

Questo tipo di sincronizzazione non si limita al cervello. Attraverso un’interessante serie di studi, l’Istituto di Scienze Noetiche di Petaluma, California, ha scoperto che quando un membro di una coppia inviava pensieri e intenzioni di guarigione al suo partner malato di cancro, molti dei processi fisiologici delle due persone iniziavano a imitarsi a vicenda: battito cardiaco, onde cerebrali, la conduttività degli impulsi elettrici sulle dita, flusso sanguigno, respirazione. Con un pensiero d’amore, due corpi diventano rapidamente uno solo.
Sembra che queste forme di sincronizzazione corporea avvengano anche fra estranei, in particolari circostanze. Legarsi a un’altra persona in modo intimo, come fa un guaritore quando invia un flusso di guarigione al suo paziente, mette in sincronia i due cervelli. (1) Persino toccare qualcuno provando un senso di apprezzamento e disponibilità può fare entrare in sincronia le onde cerebrali delle due persone. (2) La sincronia può avvenire anche quando due persone provano l’intenso desiderio di fare del male, come è stato dimostrato negli studi su maestri di Qigong coinvolti in una situazione di isolamento mentale e fisico. (3)

Il potere del pensiero di gruppo
Sto conducendo un esperimento, tuttora in corso, sull’intenzionalità: osserviamo il potere del pensiero di gruppo nel contesto di meticolosi esperimenti scientifici controllati e anche, in via informale, durante i seminari e all’interno della nostra comunità delle “intenzioni”. Nel 2007, lavorando con un ampio pool di fisici, biologi, psicologi, statistici e neuroscienziati esperti nel campo delle ricerche sulla coscienza, ho creato il più grande laboratorio globale e condotto i primi esperimenti controllati sul potere dell’intenzionalità di massa di modificare il mondo fisico.
Negli ultimi otto anni, questi studi hanno coinvolto, in totale, varie centinaia di migliaia dei miei lettori internazionali, con partecipanti volontari da oltre 100 paesi che hanno indirizzato la propria intenzionalità verso determinati obiettivi in condizioni scientificamente controllate attraverso il sito di Intention Experiment (www.theintentionexperiment.com), nel corso di conferenze e seminari organizzati in vari paesi o in diretta Web.

Abbiamo svolto sistematicamente esperimenti su vari bersagli di tipo “animale, minerale e vegetale”, rappresentativi di tutti gli elementi del pianeta, con modelli sperimentali inizialmente molto semplici e via via sempre più complessi. Fino ad ora, sono stati svolti 4 esperimenti su foglie e semi, 10 esperimenti con piante, 7 sull’acqua (uno “dal vivo” su campioni d’acqua prelevati da un lago giapponese), 4 esperimenti di intenzionalità per la pace e 2 esperimenti su pazienti sofferenti di ansia.
Anche i più semplici di questi esperimenti sono stati eseguiti in condizioni scientifiche rigorose, seguendo un protocollo molto accurato. Per esempio, per i nostri primi esperimenti semplici sull’invio di intenzioni per aumentare le emissioni di luce di una foglia, i nostri tecnici di laboratorio dell’Università dell’Arizona hanno seguito un protocollo di 50 passaggi, fra cui la selezione accurata di foglie di geranio identiche per dimensioni e valore delle emissioni di luce. E praticamente ogni esperimento è stato svolto con uno, o spesso più, gruppi di controllo.
Nei 27 esperimenti condotti fino a oggi, 23 hanno evidenziato dei cambiamenti misurabili e spesso significativi. Per considerare questo dato in prospettiva, neppure uno dei medicinali prodotti dall’industria farmaceutica può vantare un simile livello di effetti positivi.

In questi esperimenti scientificamente controllati, per la maggior parte in cieco, abbiamo dimostrato che la mente del gruppo è in grado di:

  • Modificare le proprietà fisiche elementari delle foglie;
  • Fare crescere le piante a un’altezza quasi doppia rispetto al normale;
  • Alterare la struttura molecolare dei cluster dell’acqua di rubinetto;
  • Cambiare il pH dell’acqua inquinata (e quindi depurarla)
  • Ridurre la violenza in un’area di guerra o con elevata criminalità
  • Migliorare la salute di pazienti con malattie diagnosticate.

Gli esperimenti sono ancor più interessanti per ciò che rivelano sulla coscienza umana, in particolare sulla possibilità che esista una coscienza collettiva. Hanno più volte dimostrato che, collettivamente, la mente umana ha la capacità straordinaria di operare in modo non locale e superare lo spazio e il tempo; i nostri intender provenienti da 98 paesi del mondo hanno costituito gruppi sperimentali da 1.000 a 15.000 persone, e il loro contatto con i bersagli è avvenuto semplicemente attraverso una fotografia pubblicata sul nostro sito. Nonostante il fatto che il loro unico legame fosse un sito Internet, hanno stabilito immediatamente un contatto profondo gli uni con gli altri e con il bersaglio.

Il circolo virtuoso

Nonostante i risultati di questi esperimenti siano di per sé sorprendenti, il fenomeno più interessante, per me, è l’effetto che i nostri studi su più vasta scala hanno prodotto sui partecipanti. Dai nostri maggiori esperimenti online sono scaturiti commenti di esperienze estatiche, di un senso profondo e palpabile di unità.
Nonostante i partecipanti si colleghino al nostro sito Web da computer separati sparsi per il mondo, riferiscono di provare un senso di connessione con le altre persone dell’esperimento che si trovano a migliaia di chilometri di distanza. L’esperienza dell’intenzionalità di gruppo sembra provocare dei cambiamenti nella coscienza individuale, infrangendo tempo e spazio, rimuovendo il senso di separazione e individualità e infondendo nei membri del gruppo quello che si può descrivere solo come uno stato di unione estatica.

Nel settembre 2008 ho condotto un esperimento con 15.000 partecipanti da 60 paesi del mondo, valutando se la “mente del gruppo” avesse il potere di ridurre la violenza e riportare la pace. Il piano era che i lettori di varie parti del mondo unissero le forze sul nostro sito per “inviare” la pace in una particolare area devastata dalla guerra, in questo caso lo Sri Lanka.
In un sondaggio condotto sui partecipanti al termine dell’esperimento, circa il 46% riferiva di aver notato dei cambiamenti a lungo termine nel rapporto con altre persone dopo l’esperimento. L’esperienza di gruppo apparentemente li aveva aiutati a provare più amore in generale, sia che conoscessero i destinatari o meno. Sebbene più di un quarto provasse più amore per le persone vicine o per persone normalmente sgradite o con cui c’erano dissidi, una percentuale maggiore, il 41%, provava più amore per qualsiasi individuo con cui entrasse in contatto, e il 19% riscontrava di andare più d’accordo con perfetti estranei.
In effetti, quando il sondaggio chiedeva con chi fossero migliorati maggiormente i rapporti, il 38% ha risposto di aver notato i cambiamenti più evidenti nel rapporto con gli estranei. L’esperienza di un legame con migliaia di estranei ha dato a molte persone la capacità di essere più bendisposte verso le persone che non conoscevano personalmente. Io sono rimasta sbalordita dalle loro reazioni nel descrivere ripetutamente stati di beatitudine e un senso palpabile di unità durante l’esperimento.
Molti hanno provato questa sensazione su un livello profondamente fisico: “Già 10 minuti prima dell’esperimento ho iniziato a sentire una pressione alla testa”, ha scritto un partecipante. “Come se il mio cervello si fosse collegato a una rete più grande. Subito dopo l’esperimento, è passato.”
“Mi sono sentito parte di un’onda energetica (più o meno come immagino che dovrebbe essere trovarsi all’interno di un raggio traente, come quelli di Star Trek)”, ha scritto un altro. “Venivo trascinato su questa gigantesca ondata di energia ma allo stesso tempo facevo parte della causa dell’onda… era molto potente.”
Per molti altri, il sentimento di unione con gli altri partecipanti e con la popolazione dello Sri Lanka era intensissimo: “Inoltre i primi due giorni mi sentivo estremamente emotivo (piangevo) a causa del potere dell’esperimento. Non ho mai provato nulla di simile.”
“Mi rendevo conto dell’unione delle masse di persone, così intensa che riuscivo quasi a ‘vederle’, ma senz’altro le sentivo.”
“Ho provato un fortissimo senso di unità, un flusso di energia che dalla terra andava molto, molto oltre… universale.”
“Ogni volta che inviavo la mia intenzione ‘carica’ all’obiettivo, nel giro di pochi secondi ricevevo una ‘ondata’ di emozioni. Questi sentimenti includevano paura e terrore, che io trasformavo in amore e compassione e che rinviavo a mia volta.”

Sono giunta a chiamare questo fenomeno il “potere degli otto”. Questo tipo di legame potente può verificarsi in un solo giorno. Durante i seminari del weekend, dividiamo il pubblico di partecipanti in gruppetti da otto, e chiediamo a gruppi di perfetti estranei di inviarsi fra loro pensieri di affetto.
Nel corso degli anni abbiamo assistito, l’una dopo l’altra, a storie di miglioramenti straordinari, sia in chi invia che in chi riceve. Per esempio, Sally soffriva di artrite, che le impediva di camminare sulle scale: già il giorno dopo aver ricevuto l’intenzione di guarigione era in grado di scendere le scale senza fatica. Marekje aveva la sclerosi multipla e faceva fatica a camminare senza supporti. Il mattino dopo la sua intenzione, è arrivata al seminario senza stampelle. Forse il caso più incredibile è quello di Marcia, una donna che soffriva di offuscamento della vista a uno degli occhi. Il giorno seguente alle intenzioni di guarigione del gruppo, diceva di vederci quasi perfettamente dall’occhio malato.

Ancor più significativo degli effetti di guarigione è il potente effetto della comunità. Durante questi seminari, degli estranei iniziano a risuonare insieme come un’unità: per esempio, in Olanda a un seminario recente, ho scoperto che molti gruppi riportavano di avere avuto esattamente le stesse visualizzazioni durante le intenzioni di gruppo. In un gruppo, che si concentrava nel mandare intenzioni a una donna con problemi di schiena, sia lei che molti altri membri del gruppo hanno immaginato la medesima visione interiore: la sua spina dorsale che veniva estratta dal corpo e infusa di luce.
Il sentimento di unità descritto dai partecipanti ai seminari e dalla comunità dell’Intention Experiment è un esempio dell’effetto di risonanza del legame puro. Il semplice atto di appartenere a un piccolo gruppo di estranei e di offrire qualcosa al proprio interno è così potente e dà tanta soddisfazione ai nostri desideri più profondi da guarire sia il guaritore che il destinatario.

– Approfondimenti –
Che cos’è il Legame?
Scienziati alternativi fra cui biologi, psicologi e sociologi hanno scoperto le prove del fatto che gli individui sono molto meno “individuali” di quanto si pensasse in passato. Fra le più piccole particelle del nostro essere, fra il nostro corpo e l’ambiente, fra noi stessi e tutte le persone con cui siamo in contatto, fra ogni membro di ogni gruppo sociale, esiste un Legame, una connessione essenziale e profonda tale per cui non esiste più una netta demarcazione fra la fine di un’entità e l’inizio di un’altra. Il modo in cui sostanzialmente opera il mondo non è attraverso l’attività di entità singole, ma attraverso la loro connessione… in un certo senso all’interno dello spazio fra le cose.
L’aspetto più essenziale della vita non è la cosa isolata, sia essa una particella subatomica o un essere vivente perfettamente formato. È il rapporto stesso: il Legame inseparabile e irriducibile. Questa connessione, lo spazio fra l’uno e l’altro, custodisce la chiave per la vita di ogni organismo, dalle particelle subatomiche alle società su grande scala, e anche la chiave per un futuro vivibile.

Il potere del “noi” fa bene all’io
Gran parte delle ricerche sul dialogo interiore, ovvero i monologhi che spesso le persone usano per incoraggiarsi prima di una performance, si concentra su affermazioni interiori riguardanti l’“io” per aumentare la fiducia personale. Per questo un gruppo di ricercatori della Michigan State University ha deciso di studiare che cosa succede alla performance individuale quando i partecipanti concentrano i propri dialoghi interiori sulla performance del gruppo come organismo unico.
Hanno suddiviso in modo casuale 80 partecipanti a una gara di freccette in 3 gruppi; il primo gruppo usava dialoghi interiori concentrati sulle capacità e prestazioni individuali; il secondo usava dialoghi che enfatizzavano le capacità e le prestazioni del gruppo, mentre il terzo, il gruppo di controllo, manteneva semplicemente pensieri neutrali.
Valutando i risultati, i ricercatori hanno notato che sia la fiducia personale che le performance erano migliori fra coloro che si erano concentrati su pensieri di gruppo. Chi orientava il proprio dialogo interiore sul gruppo mostrava più fiducia nella squadra ma aveva anche prestazioni individuali migliori.
Questo studio ha implicazioni enormi per tutti gli aspetti della nostra vita, in quanto mostra che concentrarsi sugli sforzi di gruppo è naturalmente vantaggioso per tutti.

“Note:
1) – D. I. Radin, ‘Event related EEG correlations between isolated human subjects,’ Journal of Alternative and Complementary Medicine, 2004; 10: 315-24.
2) – Rollin McCraty e all. ‘The Electricity of Touch: Detection and Measurement of Cardiac Energy Exchange Between People,’ in Karl H. Pribram, a cura di, Brain and Values: Is a Biological Science of Values Possible? Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum Associates, 1998: 359-379.
3. M Yamamoto e all., ‘An Experiment on Remote Action against Man in Sense Shielding condition,’ Journal of the International Society of Life Information Sciences, 1996; 14 (1): 97-99.

L’autrice:

Lynne McTaggart
Lynne McTaggart

Lynne McTaggart, una delle principali voci del nuovo movimento della consapevolezza, è autrice di sei libri pluripremiati, fra cui i best-seller mondiali Il campo del punto zero, La scienza dell’intenzione, The Bond – il legame quantico e Ciò che i dottori non dicono. Come caporedattrice di What Doctors Don’t Tell You (www.wddty.com), si occupa di una delle più apprezzate pubblicazioni di salute al mondo e cura popolarissime teleconferenze e seminari sulla salute e la spiritualità.

The deception of the dinosaurs

 

by Daniel Evangelista

Denti fossili Gideon Mantell
Denti fossili Gideon Mantell

In 1806 the naturalist and painter Charles Willson Peale designed for the first time a skeleton of a Mammoth found in the Orange county (the same bought and imported by the United States of Americahttps://en.wikipedia.org/wiki/Richard_Owen

by Johann Jakob Kaup in 1854), then in 1822 Gideon Mantell became responsible for a discovery and possible identification of the first fossils of teeth from which he invents (or is told to invent) without any scientific evidence the Iguanodon, that is, the first dinosaur.

There is no one in the world, today as then, that starting from the teeth manages to reconstruct a whole organic individual and looking at some details of the story that I am about to tell you and that I am still enriching with new readings and studies, I understand that things have taken a different turn, starting from one man, or better, from the one who has taken the trouble to appear as such: Richard Owen.

Richard Owen.
Richard Owen.

Probably we are dealing with a scammer who even if discovered such, instead of being exposed, found complicity in his malfeasance for purposes unknown to him but that allowed him to have that reputation and financial return to defend and perpetrate as we will see later further, its original mystification.

Richard Owen knew very well that a handful of scholars could have put an end to his dreams of glory and fortune, so he prolongs a lot so that this never happens, and we also know how in some cases Richard was working these actions:

One day Darwin, who had attended a year after Owen his own University of Edinburgh, have sent to Richard his book “Origin of Species”, where Darwin became famous with his own theory (among other things today widely proved to be false and still taught at school , but we do not go off topic we will have a chance to talk about this in the near future); Owen wrote to the author congratulating him on the work done even if he share his idea of putting the man at the same level of the beasts, as reply to him, however, what he did was to write anonymously an article that would discredit his theory by writing that Darwin had ignored Owen’s theories about archetypes that are transformed by divine will. In short, this character in addition to discrediting the figure of Darwin, wrong or right, seeks to ride its success by placing as its context in itself.

Another worthy action of praise to this swindler was to have made accessible to everybody the museums, previously intended only for scholars, to him we owe the fact that right in the National History Museum appeared the first comments close to the finds for explaining to the public what you were looking at, but its action probably should not have been so philanthropic at the origin, knew that if a lie is believed by a mass, that lie becomes difficult to overwhelm, everyone in the National Museum of Natural History could see and believe to the works of Owen making it unscratchable to criticisms such as those made lately by Thomas Huxley.

The errors to be attributed today to Owen are many and perhaps the most striking is the work of 1863 belonging to the discovery of the first bird that the same Owen published in that year, the exhibit reviewed in 1954 makes known as Owen had studied the finding turning up and down, ignoring an important feature, the sternum, which being flat prevented that being to fly but at most planar (like a hen) and that the skull was like that of a reptile.

Another mistake is made by declaring the discovery of the oldest giant fossil footprint in the world, the “Proticnite” of the Cambrian period, dated about 500 million years ago, turned out to be the fossil of a species similar to a sea cicada of our times.

In 1834 he became a member of the Royal Society and in 1858 became president of the British Association for the Advancement of Science. His fame as a scientist is linked to his studies on fossils, in particular of reptiles; to him we owe the precise identification of the dinosaurs, to which he also attributed the term (Dinosauria, from the Greek δεινός, terrible and σαῦρος, lizard), also coining other new scientific terms such as “homology”.

But let’s move on and see how and who start riding the Owen wave.

Hadrosaurus Lithograph
Ossa di Hadrosaurus Foulkii

In 1838 in a quarry William Hopkins finds some strange bones that he keeps at home for twenty years before William Parker Foulke takes an interest in it and shows them to Joseph Leidy through a handful of incomplete bones (leg bones, pelvis, part of his feet , twenty-eight vertebrae, eight teeth and small pieces of jaw), declares to discover the first American dinosaur, the Hadrosaurus Foulkii, in that same year and at a suspicious speed. The skeleton of the dinosaur, is then reconstructed with plaster and a good work of imagination that we know today to be impossible with that few findings obtained.

Ricostruzione Hadrosaurus Foulkii
Ricostruzione di Hadrosaurus Foulkii

But today with all our knowledge and technology because we can not understand what is really happening?

Did you know that in order to date a dinosaur’s bone, it is generally not possible to examine the bone itself with carbon 14, because even using the most sophisticated machines and techniques you cannot date an organic fragment back to 70,000 years ago. So how they estimate this date? Simple, it is sufficient to establish the date based on the substrate of soil in which that bone was found. So if I wanted to hide a fake fossil, it would be enough for me to hide it in the right depth and perhaps they have become quite good on it.

Then turns out very strange as having a look at the geological scale of the evolution of the species. At some point snack from nothing, without a natural line on the past, a dinosaurs of fifty tons. As if a clam could become a hippopotamus in 200 million years without leaving a trace of this evolutionary passage.

Scala geologica
Scala geologica

There are much more to say but I prefere you let you find the rest ans see why this wicked little theater still continues today: money, an incredible montain of ​​money, do you know how much a dinosaur bone is worth? But one could say that nowadays there are thousands of experts who could prove their non-authenticity; it is true but before a museum should approve the study and if you’re not in the “club” do not even dream of it, then who determines the authenticity is never a group of independent physicists and chemists but rather a group of paleontologists often paid by some association etc., a bit like when a group of doctors paid by the tobacco association studies the effect on health by smoking sigarette. But it is only a matter of time as it was for the tobacco and the truth will come out, there are real factories of bones in some countries and you just need to see in which countries most of the findings take place to understand which countries we are talking about.

Paleontologists study on a blind one way, they have receiver a diploma or a degree for having diligently repeated well what the books to which they are subjected cite, the rest comes by itself. When a palaeontologist expresses himself against the system because he has made a discovery contrary to dogma, what happens? The same thing that happens to all those scientists who go against the interests of those who control that discipline, are silenced in many ways as we know, mocking them and not making them work anymore, or rarely when you can not do otherwise these people die in a such strange circumstances that burn every case with respect to the deaths of those who instead pursue this “status quo” of things.

The strange thing is that I see Catholic people, who therefore believe in the bible, believe in dinosaurs, is the maximum of mental conditioning, it would be like accepting to believe that we are a wolf and a lamb at the same time (but we do not go off topic, we will also be able to talk about this in the future).

Thanks

L’inganno dei dinosauri

 

di Daniel Evangelista

Nel 1806 il naturalista e pittore Charles Willson Peale disegna per la prima volta uno scheletro di un Mammut ritrovato nella contea Orange (lo stesso acquistato e importato dagli Stati Uniti d’America da Johann Jakob Kaup nel 1854), poi nel 1822 Gideon Mantell si rende responsabile di una scoperta ed eventuale identificazione dei primi fossili di denti da cui inventa (o gli viene detto di inventarsi) senza nessuna prova scientifica l’Iguanodonte, ovvero, il primo dinosauro.

Non esiste nessuno al mondo, oggi come allora, che partendo da dei denti riesca a

Denti fossili Gideon Mantell
Denti fossili Gideon Mantell

ricostruire un intero individuo organico e guardando meglio alcuni dettagli della storia che sto’ per raccontarvi e che ancora sto’ arricchendo con nuove letture e studi, mi sembra di capire che le cose abbiano preso una piega diversa partendo da un uomo solo, o meglio, da colui che si è preso la briga di apparire eventualmente come tale: Richard Owen.

Richard Owen.
Richard Owen.

Probabilmente abbiamo a che fare con un truffatore che anche se scoperto tale, invece di essere smascherato, ha trovato complicità nel suo malaffare per scopi a lui forse sconosciuti ma che gli permettevano di avere quella notorietà e ritorno finanziario atto a difendere e perpetrare come poi vedremo ulteriormente, la sua originaria mistificazione.

Richard Owen sapeva bene che una manciata di studiosi avrebbe potuto metter fine ai suoi sogni di gloria e fortuna, per questo si prolisse molto affinché questo non succedesse mai, e sappiamo anche come in alcuni casi Richard operava queste azioni:

Un giorno Darwin che aveva frequentato un anno dopo la sua stessa Università di Edimburgo, spedii a Owen il suo libro “Origine delle specie”, dove Darwin divenne famoso con una sua teoria (tra l’altro oggi ampiamente dimostratasi falsa e ancora insegnata a scuola, ma non andiamo fuori tema avremo modo di parlare anche di questo in un prossimo futuro); Owen scrisse all’autore congratulandosi del lavoro svolto anche se non condividesse la sua idea di mettere l’uomo allo stesso livello delle bestie, però, quello che fece, fu di scrivere in forma anonima un articolo che gettava discredito alla sua teoria scrivendo anche che Darwin non aveva tenuto conto delle teorie di Owen sugli archetipi che si trasformano per volere divino. Insomma questo personaggio oltre a screditare la figura di Darwin, a torto o ragione, ne cerca di cavalcarne il successo ponendo come suo pari nel contesto se stesso.

Un altra azione degna di lode a questo lestofante è stata quella di aver reso accessibili a tutti i comuni mortali i musei, prima destinati solo agli studiosi, a lui si deve il fatto che proprio nel National History Museum apparirono i primi commenti vicino ai reperti per spiegare al pubblico cosa si stesse guardando, ma la sua azione probabilmente non doveva essere tanto filantropica all’origine, sapeva che se una bugia è creduta da una massa quella bugia diventa difficile da soverchiare, tutti nel museo nazionale di storia naturale potevano vedere e credere ai lavori di Owen rendendolo inscalfibile alle critiche come quelle mossegli da Thomas Huxley.

Gli errori da attribuire oggi a Owen sono molti e forse il più eclatante é il lavoro del 1863 appartenente alla scoperta del primo volatile che lo stesso Owen pubblicò in quell’anno, il reperto riesaminato nel 1954 rende noto come Owen avesse studiato il reperto girandolo da capoverso , tralasciando una caratteristica importante, lo sterno, che essendo piatto impediva a quell’essere di volare ma al massimo di planare (a mo’ di gallina) e che la scatola cranica era come quella di un rettile.

Un altro errore lo compie dichiarando la scoperta dell’impronta fossile gigante più vecchia del mondo, la Proticnite del periodo cambriano datata poi 500 milioni di anni fa’ circa, risultò essere il fossile di un specie diversa simile a una cicala di mare dei nostri tempi.

Nel 1834 divenne membro della Royal Society e nel 1858 divenne presidente della British Association for the Advancement of Science. La sua fama di scienziato è legata ai suoi studi sui fossili, in particolare sui rettili; a lui si deve la precisa identificazione dei dinosauri, a cui attribuisce anche il termine (Dinosauria, dal greco δεινός, terribile e σαῦρος, lucertola), coniando anche altri nuovi termini scientifici come “omologia”.

Ma andiamo avanti e vediamo come si inizi a cavalcare l’onda di Owen.

Hadrosaurus Lithograph
Ossa di Hadrosaurus Foulkii

Nel 1838 in una cava William Hopkins ritrova delle ossa che tiene in casa per vent’anni prima che William Parker Foulke se ne interessa e impossessa mostrandole a Joseph Leidy che attraverso una manciata di ossa incomplete (ossa delle zampe, la pelvi, parte dei piedi, ventotto vertebre, otto denti e piccoli pezzi di mascella), dichiara così di scoprire il primo dinosauro americano, il Hadrosaurus Foulkii, in quello stesso anno e ad una velocità sospetta. Lo scheletro del dinosauro, viene poi ricostruito con il gesso e un buon lavoro di fantasia che sappiamo oggi essere impossibile con i pochi ritrovamenti ottenuti.

Ricostruzione Hadrosaurus Foulkii
Ricostruzione di Hadrosaurus Foulkii

Ma oggi con tutta la nostra tecnica e tecnologia perché non riusciamo a capire cosa stia succedendo davvero?

Lo sapevate che per datare l’osso di un dinosauro generalmente non si fa un esame sull’osso stesso al carbonio 14, perché anche usando le macchine e tecniche più sofisticate si potrebbe datare un frammento organico sino a 70.000 anni fa. Quindi come nasce la sua stima? Semplice, è sufficiente stabilire la data in base al substrato di terreno in cui è stato rinvenuto quell’osso. Quindi se io volessi nascondere un falso fossile mi basterebbe nasconderlo alla profondità giusta e forse sono diventati alquanto bravi nel farlo.

Risulta poi stranissimo come dando un occhiata alla scala geologica dell’evoluzione delle specie con annessa i ritrovamenti fossili ad un certo punto spuntino dal nulla senza una linea naturale con il passato, dei dinosauri di cinquanta tonnellate. Come se una vongola potesse diventare in 200 milioni di anni un ippopotamo senza lasciare traccia di questo passaggio evoluzionistico.

Scala geologica
Scala geologica

Detto questo, e solo in relazione al non esser prolisso che non aggiungo altri esempi, vediamo il perché o almeno uno dei perché ancora oggi si protrae abilmente questo scellerato teatrino: soldi, un mare incredibile di soldi, sapete quanto vale un osso di dinosauro? Ma mi si potrebbe dire che al giorno d’oggi ci sono migliaia di esperti che potrebbero comprovarne la loro non autenticità; è vero ma prima un museo dovrebbe approvarti lo studio e se non sei del club non te lo sognare nemmeno, poi chi ne determina l’autenticità non è mai un gruppo di fisici e chimici indipendenti ma bensì un gruppo di paleontologi pagati spesso da qualche associazione eccetera, un po’ come quando un gruppo di medici pagati dall’associazione del tabacco studiasse se lo stesso possa essere dannoso alla salute o no. Ma è solo una questione di tempo così come lo è stato per il tabacco e la verità verrà fuori, ci sono vere e proprie fabbriche di ossa in alcuni paesi e basta anche vedere in che paesi la maggior parte di ritrovamenti ha luogo per capire di quali paesi stiamo parlando.

I paleontologi studiano, o meglio, ricevono un diploma o una laurea per aver diligentemente ripetuto bene quello che i libri a cui sono sottoposti citano, il resto vien da sé. Quando un paleontologo si esprime contro il sistema perché ha fatto una scoperta contraria al dogma cosa succede? La stessa cosa che succede a tutti quegli scienziati che vanno contro agli interessi di chi controlla, si fanno tacere in molti modi come ben sappiamo, deridendoli e non facendoli più lavorare, oppure raramente quando non si può fare altrimenti queste persone muoiono in circostanze così strane che bruciano ogni casistica rispetto alle morti di chi invece questo “status quo” di cose le persegue.

La cosa strana è che vedo gente cattolica, che quindi crede nella bibbia, credere anche ai dinosauri, è il massimo del condizionamento mentale, sarebbe come accettare di credere d’essere un lupo ed un agnello allo stesso tempo (ma non andiamo fuori tema, avremo modo di parlare anche di questo in futuro).

Grazie.