United States of America and Israel against all

In these days we are witnessing an attack against one of the most important organs of mankind, the International Criminal Court (ICC) by the United States of America and Israel. Let’s try to understand why these states now threaten sanctions against the peoples that will support this story. As you can read on the website of the International Criminal Court (https://www.icc-cpi.int/afghanistan) there are preliminary exams now almost complete and we are about to move to a meeting to determine whether to initiate a trial or not against the United States of America but also Israel is going through the same judicial path with regard to the Palestinian people.

Internation Criminal Court
Internation Criminal Court

So today I read this article by Missy Ryan and Anne Gearan in the Washington Post of September 9, 2018:

The United States will threaten Monday to punish individuals who cooperate with the International Criminal Court in a potential investigation of U.S. wartime actions in Afghanistan, according to people familiar with the decision.

The Trump administration is also expected to announce that it is shutting down a Palestinian diplomatic office in Washington because Palestinians have sought to use the international court to prosecute U.S. ally Israel, those people said.

White House national security adviser John Bolton is expected to outline threats of sanctions and a ban on travel to the United States for people involved in the attempted prosecution of Americans before the international court in an address Monday.

Donald Trump
Donald Trump

Bolton is a longtime opponent of the court on grounds that it violates national sovereignty.

The speech, titled “Protecting American Constitutionalism and Sovereignty from International Threats,” is Bolton’s first formal address since joining the administration in April. It is sponsored by the Federalist Society, a conservative and libertarian policy group.

Palestinian officials on Monday vowed to fight what they called bullying tactics and “collective punishment” of the Palestinian people.

Palestinian refugee students were back at school Sept. 3 as the United Nations relief agency reopened schools in camps, despite the United States funding cut.(Reuters)

Chief Palestinian negotiator Saeb Erekat said he was officially notified of the decision ahead of Bolton’s speech.

“These people have decided to stand on the wrong side of history by protecting war criminals and destroying the two-state solution,” Erekat said. “I told them if you are worried about courts, you should stop aiding and abetting crimes.”

Benjamin Netanyahu
Benjamin Netanyahu

The move by the Palestine Liberation Organization is part of a renewed campaign to challenge the court’s legitimacy as it considers cases that could put the United States and close allies in jeopardy for the first time, according to individuals familiar with the planned remarks who spoke on the condition of anonymity because they were not authorized to do so on the record.

Bolton is likely to lay out American opposition to the court and propose measures including new agreements to shield U.S. personnel from international prosecution and the threat of sanctions or travel restrictions for people involved in prosecuting Americans.

One person said Bolton plans to use the speech to announce that the Trump administration will force the closure of the PLO office in Washington in a dispute over a Palestinian effort to seek prosecution of Israel through the ICC.

During a rare address to the United Nations Security Council on Tuesday, Palestinian President Mahmoud Abbas called for an international Middle East peace conference to be convened by the middle of this year and slammed the Trump administration for its recognition last December of Jerusalem as Israel’s capital.(Reuters)

Bolton’s announcement is closely related to concern at the Pentagon and among intelligence agencies about potential U.S. liability to prosecution at the court over actions in Afghanistan, said a senior administration official familiar with aspects of the forthcoming announcement.

The ICC investigation of U.S. wartime actions represents exactly the kind of infringement on U.S. sovereignty that Bolton and other opponents of the court have long warned about, the official and others said.

“It’s a much more real policy matter now because of the potential liability in Afghanistan,” the official said, adding that other nations have similar concerns.

The Trump administration has questioned whether the ICC has jurisdiction to investigate and prosecute U.S. citizens for actions in Afghanistan, because Afghan, U.S. and U.S. military law all could apply in different situations, the official said.

The new broadside against the ICC follows steps by the administration challenging international cooperation in other areas. This year, the administration has threatened to pull out of the World Trade Organization.

>Bolton’s speech comes two weeks before President Trump will attend the United Nations General Assembly, where he will address other world leaders. U.S. officials have said Trump will focus on U.S. claims about the threat posed by Iran and will reiterate his opposition to the international nuclear deal with Iran. Trump pulled the United States out of the deal in May.

Trump’s opposition to the Iran deal is related to a wider suspicion of international agreements and organizations such as the ICC.

Three successive U.S. administrations of both political parties have rejected the full jurisdiction of the international court over American citizens, although U.S. cooperation with the court expanded significantly under the Obama administration.

The United States has never ratified the 2002 international treaty, called the Rome Treaty, that established the court, which is based in The Hague.

Stephen Pomper, who worked on issues related to the ICC in the Obama administration, said an attempt to weaken the court would exacerbate strains between the United States and allies in Europe and elsewhere who were supporters of the court.

“It’s going to create friction that’s not necessary, and it’s going to create the impression the United States is a bully and a hegemon,” said Pomper, who now is U.S. program director at the International Crisis Group.

Bolton was part of an effort during the George W. Bush administration to formalize U.S. resistance to the court, including through legislation prohibiting U.S. support and efforts to pressure other countries into agreements not to surrender U.S. citizens to the body.

Bolton’s opposition has intensified as ICC judges evaluate a request from prosecutor Fatou Bensouda, who last fall asked for permission to formally investigate alleged crimes committed during the Afghan war. That could include actions by U.S. military or intelligence personnel in the detention of terrorism suspects.

Writing in the Wall Street Journal last November, Bolton said the investigation added urgency to the need to keep the United States and its citizens out of the court’s reach.

“America’s long-term security depends on refusing to recognize an iota of legitimacy” of the court, he wrote.

David Bosco, a professor at Indiana University’s School of Global and International Studies, said the judges were likely to approve Bensouda’s request.

The court is also considering a request from Palestinian authorities to probe alleged crimes committed in Palestinian territories, a step that could result in attempts to prosecute Israeli officials.

Palestinian Authority President Mahmoud Abbas, in a speech at the United Nations a year ago, called on the ICC to investigate and prosecute Israeli citizens for alleged crimes against Palestinians.

In response, the Trump administration had moved in November to close the Palestinian diplomatic office, but quickly backtracked and allowed the office to remain open with temporary restrictions.

That office serves as a de facto embassy, staffed by an ambassador, to represent Palestinian interests to the U.S. government.

The Trump administration contends that the Palestinians violated U.S. law by seeking prosecution of Israel at the ICC. The administration’s initial decision to close the office caused a breach with Abbas that widened in December when Trump announced that the United States would recognize Jerusalem as the Israeli capital and move its embassy there.

The Trump administration has not publicly committed to support a separate sovereign Palestine alongside Israel, which was the goal of previous administrations. But like previous U.S. administrations, the Trump White House considers Palestinian efforts to seek statehood recognition through international organizations to be illegitimate.

The Bush and Obama administrations sought negotiations between Israel and the Palestinians to reach that goal. The Trump administration has drafted a detailed proposal to settle the Israeli-Palestinian conflict but has not released it or publicly discussed how it would address Palestinian statehood.

Bosco said punitive moves would “mark a return to a kind of cold war between Washington and The Hague.”

But a move against the ICC is likely to generate less outcry from Congress than those against other international bodies because politicians of both parties generally oppose attempts to subject Americans, particularly service members, to international prosecution.

The ICC has been subject to international criticism for other reasons, including that it has moved slowly to convict and has focused mainly on crimes occurring in Africa.

Julie Tate and Carol Morello in Washington and Loveday Morris in Jerusalem contributed to this report.

I am convinced that the world’s people are tired of dealing with imperial and colonialist wars disguised and covered by the usual hands that control the news of the major broadcasting organs (big newspapers, radio, television stations and some sites in the network), to send to home these oligarchs of war for world domination and control of the human race all that remains is to count the hours, because if not in this life, the peace people of the whole world will defeat them on the next.

Author: Daniel Evangelista

Stati Uniti d’America ed Israele contro tutti

 

In questi giorni stiamo assistendo ad un attacco contro uno degli organi più importanti del genere umano, ovvero, contro la Corte Penale Internazionale da parte degli Stati Uniti d’America ed Israele. Cerchiamo di capire perché ora questi Stati minacciano sanzioni contro le persone che appoggeranno il probabile processo contro di loro. Come si legge nel sito della Corte Penale Internazionale (https://www.icc-cpi.int/afghanistan) ci sono esami preliminari in atto ormai quasi conclusi e si sta per passare ad una riunione per determinare se intentare un processo oppure no nei confronti degli Stati Uniti d’America ma anche Israele sta passando per lo stesso percorso giudiziario riguardo il popolo Palestinese.

Corte Penale Internazionale
Corte Penale Internazionale

Quindi oggi leggo sul Washington Post del 9 Settembre 2018 questo articolo di Missy Ryan e Anne Gearan:

“Gli Stati Uniti minacceranno lunedì di punire le persone che cooperano con la Corte penale internazionale in una potenziale indagine sulle azioni belliche degli Stati Uniti in Afghanistan, secondo le persone che hanno familiarità con la decisione.

L’amministrazione Trump dovrebbe anche annunciare che sta chiudendo un ufficio diplomatico palestinese a Washington perché i palestinesi hanno cercato di usare il tribunale internazionale per perseguire l’alleato degli Stati Uniti d’Israele, hanno detto quelle persone.

Si prevede che il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca John Bolton sollevi minacce di sanzioni e il divieto di viaggiare negli Stati Uniti per le persone coinvolte nel tentativo di perseguire gli americani davanti al tribunale internazionale in un discorso lunedì.

Donald Trump
Donald Trump

Bolton è un avversario di lunga data della corte per il fatto che viola la sovranità nazionale.

Il discorso, intitolato “Proteggere il costituzionalismo americano e la sovranità dalle minacce internazionali”, è il primo discorso formale di Bolton da quando è entrato a far parte dell’amministrazione ad aprile. È sponsorizzato dalla Federalist Society, un gruppo politico conservatore e libertario.

Si prevede che Bolton delineerà una nuova campagna per contestare la legittimità della corte, considerando i casi che potrebbero mettere gli Stati Uniti e gli alleati vicini in pericolo per la prima volta, secondo le persone che hanno familiarità con le osservazioni programmate che parlavano della condizione di anonimato perché non erano autorizzati a farlo sul disco.

Bolton probabilmente esporrà l’opposizione americana alla corte e proporrà misure che includano nuovi accordi per proteggere il personale degli Stati Uniti dall’accusa internazionale e la minaccia di sanzioni o restrizioni di viaggio per le persone coinvolte nella persecuzione degli americani.

Benjamin Netanyahu
Benjamin Netanyahu

Una persona ha detto che Bolton prevede di usare il discorso per annunciare che l’amministrazione Trump costringerà la chiusura dell’ufficio dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina a Washington in una disputa per uno sforzo palestinese di perseguire l’Israele attraverso la CPI.

L’annuncio di Bolton è strettamente collegato alle preoccupazioni del Pentagono e tra le agenzie di intelligence sulla potenziale responsabilità degli Stati Uniti nei procedimenti giudiziari per le azioni in Afghanistan, ha detto un funzionario dell’amministrazione senior che ha familiarità con gli aspetti del prossimo annuncio.

Le indagini della Corte Penale Internazionale sulle azioni belliche degli Stati Uniti rappresentano esattamente il tipo di violazione della sovranità degli Stati Uniti che Bolton e altri oppositori della corte hanno a lungo avvertito, il funzionario e altri hanno detto.

“Ora è una questione molto più reale a causa della potenziale responsabilità in Afghanistan”, ha detto il funzionario, aggiungendo che altre nazioni hanno preoccupazioni simili.

L’amministrazione Trump ha messo in dubbio che la CPI abbia la giurisdizione per indagare e perseguire i cittadini degli Stati Uniti per azioni in Afghanistan, poiché la legge militare afgana e statunitense potrebbe applicarsi in diverse situazioni, ha detto il funzionario.

La nuova bordata contro la CPI segue i passi dell’amministrazione sfidando la cooperazione internazionale in altri settori. Quest’anno, l’amministrazione si è ritirata dall’organismo dei diritti umani delle Nazioni Unite, ha bloccato il sostegno finanziario per un programma di aiuti U.N. per i rifugiati palestinesi e ha minacciato di ritirarsi dall’Organizzazione mondiale del commercio.

Il discorso di Bolton arriva due settimane prima che il presidente Trump partecipi all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, dove si rivolgerà ad altri leader mondiali. Funzionari degli Stati Uniti hanno detto che Trump si concentrerà sulle affermazioni degli Stati Uniti sulla minaccia rappresentata dall’Iran e ribadirà la sua opposizione all’accordo nucleare internazionale con l’Iran. Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo a maggio.

L’opposizione di Trump all’accordo con l’Iran è legata a un più ampio sospetto di accordi e organizzazioni internazionali come la CPI.

Tre successive amministrazioni degli Stati Uniti di entrambi i partiti politici hanno respinto l’intera giurisdizione del tribunale internazionale sui cittadini americani, sebbene la cooperazione degli Stati Uniti con la corte sia cresciuta significativamente sotto l’amministrazione Obama.

Gli Stati Uniti non hanno mai firmato il trattato internazionale del 2002, chiamato Trattato di Roma, che ha istituito la corte, che ha sede all’Aia.

Stephen Pomper, che ha lavorato su questioni relative alla Corte penale Internazionale nell’amministrazione Obama, ha detto che un tentativo di indebolire la corte esacerberebbe le tensioni tra gli Stati Uniti e gli alleati in Europa e altrove che erano sostenitori della corte.

“Creerà attriti che non sono necessari e creerà l’impressione che gli Stati Uniti siano un bullo e un egemone”, ha detto Pomper, che ora è direttore del programma degli Stati Uniti presso l’International Crisis Group.

Bolton faceva parte di uno sforzo durante l’amministrazione di George W. Bush per formalizzare la resistenza degli Stati Uniti alla corte, anche attraverso la legislazione che proibiva il sostegno degli Stati Uniti e gli sforzi per far pressione su altri paesi in accordi per non cedere i cittadini statunitensi al corpo.

L’opposizione di Bolton si è intensificata quando i giudici della Corte Penale Internazionale hanno valutato una richiesta del procuratore Fatou Bensouda, che lo scorso autunno ha chiesto il permesso di indagare formalmente sui presunti crimini commessi durante la guerra in Afghanistan. Ciò potrebbe includere potenzialmente azioni del personale militare o di intelligence degli Stati Uniti nella detenzione di sospetti terroristi.

Lo scorso novembre, scrivendo sul Wall Street Journal, Bolton ha affermato che l’inchiesta ha aggiunto l’urgenza alla necessità di tenere gli Stati Uniti ei suoi cittadini fuori dalla portata del tribunale.

“La sicurezza a lungo termine dell’America dipende dal rifiuto di riconoscere una virgola di legittimità” della corte, ha scritto.

David Bosco, professore alla Scuola di Studi Globali e Internazionali dell’Indiana University, ha affermato che i giudici avrebbero probabilmente approvato la richiesta di Bensouda.

La corte sta anche valutando la richiesta da parte delle autorità palestinesi di indagare sui presunti crimini commessi nei territori palestinesi, un passo che potrebbe portare a tentativi di perseguire i funzionari israeliani.

Il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas, in un discorso alle Nazioni Unite un anno fa, ha invitato la CPI a indagare e perseguire i cittadini israeliani per presunti crimini contro i palestinesi.

In risposta, l’amministrazione Trump si era trasferita a novembre per chiudere l’ufficio diplomatico palestinese, ma rapidamente tornò indietro e permise all’ufficio di rimanere aperto con restrizioni temporanee.

Quell’ufficio funge da ambasciata di fatto, con un ambasciatore, per rappresentare gli interessi palestinesi nel governo degli Stati Uniti.

L’amministrazione Trump sostiene che i palestinesi hanno violato la legge degli Stati Uniti chiedendo il perseguimento di Israele alla Corte penale internazionale. La decisione iniziale dell’amministrazione di chiudere l’ufficio ha causato una frattura con Abbas che si è allargata a dicembre quando Trump ha annunciato che gli Stati Uniti avrebbero riconosciuto Gerusalemme come capitale israeliana e trasferito la propria ambasciata.

L’amministrazione Trump non si è impegnata pubblicamente a sostenere una distinta Palestina al fianco di Israele, che era l’obiettivo delle precedenti amministrazioni. Ma come nelle precedenti amministrazioni degli Stati Uniti, la Casa Bianca di Trump considera illegittimi gli sforzi palestinesi per ottenere il riconoscimento dello stato attraverso organizzazioni internazionali.

Le amministrazioni Bush e Obama hanno cercato negoziati tra Israele e i palestinesi per raggiungere questo obiettivo. L’amministrazione Trump ha elaborato una proposta dettagliata per risolvere il conflitto israelo-palestinese ma non lo ha rilasciato né discusso pubblicamente su come avrebbe affrontato lo stato palestinese.

Bosco ha detto che le mosse punitive “segnerebbero il ritorno a una sorta di guerra fredda tra Washington e L’Aia”.

Ma una mossa contro l’ICC rischia di suscitare meno scalpore rispetto al Congresso rispetto a quelle contro altri organismi internazionali perché i politici di entrambe le parti si oppongono generalmente ai tentativi di assoggettare gli americani, in particolare i membri dei servizi, ai procedimenti giudiziari internazionali.

La CPI è stata oggetto di critiche internazionali per altri motivi, tra cui il fatto che si sia mosso lentamente per condannare e si sia concentrato principalmente sui crimini che si verificano in Africa.

Julie Tate e Carol Morello hanno contribuito a questo rapporto” (Traduzione dell’autore)

Sono convinto che il popolo mondiale sia oltre modo stanco di affrontare guerre imperiali e colonialiste mascherate e coperte da le solite mani che controllano le notizie dei grandi organi di diffusione (grandi testate giornaliste, radio, televisioni ed alcuni siti nella rete),  per mandare a casa questi oligarchi della guerra per il dominio mondiale ed il controllo della razza umana non resta altro che contare le ore, perché se non in questa vita, la prossima il popolo della pace di tutto il mondo li sconfiggerà.

di Daniel Evangelista